Accesso rapido:

Vai direttamente al contenuto (alt 1)Vai direttamente al secondo livello di navigazione (alt 3)Vai direttamente al primo livello di navigazione (alt 2)

Intervista con Philipp Löhle
Basta idiozie!

Philipp Löhle Interview
© Fernando Perez Re

L’autore del Teatro Stabile Nazionale di Norimberga non si sente „rilevante per il sistema“. Perciò formula 10 tesi sull’epidemia.

Di Maria Carmen Morese & Johanna Wand


Che spazio ha il suo lavoro nell'isolamento?

Prima di tutto voglio dire che il 14.3.2020 il mio lavoro si è ridotto a zero. Tutti i miei spettacoli, tutte le letture che erano in programma, una produzione che era prevista per giugno, TUTTO è stato cancellato. All'inizio è stato uno shock, all’improvviso il proprio lavoro non c’è più. Mi sono chiesto se c’era qualcuno, oltre a me, a sentire la mancanza del mio lavoro/del teatro/dell’arte. Innanzitutto non sembra "systemrelevant”, ovvero “importante per il sistema”, come si dice oggi.
Ma poi ho iniziato a produrre dei piccoli video con gli attori del Teatro Stabile Nazionale di Norimberga. Sono un autore a contratto e mi sento molto legato all’istituzione. Trovo che questo sia un modo accettabile per rapportarmi in qualche modo alla situazione: Löhles Kommentar zur Wirklichkeit
Certo, questa può essere solo una soluzione provvisoria, ma si fa molta fatica con se stessi quando si è improvvisamente costretti a tacere.
 
Come tutti i momenti complicati, è anche fervido di possibilità, cosa ci insegna la crisi?

- Non abbiamo il potere che pensiamo di avere.
- Tutto è collegato a tutto.
- L'uomo è un animale sociale.
- In caso di emergenza, gli Stati si ritirano su se stessi. La solidarietà finisce.
- Meno è idiota chi gestisce il Paese, meglio il Paese riuscirà a superare la crisi.
- Ci sono sicuramente cose di cui nessuno sa nulla.
- Ci sono sicuramente cose che influenzano tutto.
- In questa crisi non c’è solo chi perde, ma anche chi vince.
- Può colpire ognuno, ma non colpisce tutti allo stesso modo.
- Alcune cose succedono e basta. Apparentemente dal nulla!
 
Le circostanze attuali ci sconvolgono e ci preoccupano, ma ci incoraggiano a pensare in maniera visionaria. Cosa sogna/immagina per il dopo?

Tutti si abbracciano per tre giorni consecutivi e cantano e ballano e fanno una grande festa. … Ma no, tutte sciocchezze, la crisi non è d’aiuto a nessuno. Quest’idea è un’idiozia. Non ci servono le vittime, non ci servono gli insegnamenti dolorosi, non ci servono i vaneggiamenti sulla crisi come opportunità...
 

Note biografiche

Philipp Löhle, nato nel 1978 a Ravensburg, è uno degli scrittori di teatro della sua generazione più conosciuti a livello internazionale. Ha esordito nel 2005 con lo spettacolo „Kauf-Land” presso il Teatro Nazionale di Erlangen. Per „Genannt Gospodin” (Gospodin, messo in scena in Italia da Giorgio Barberio Corsetti con Claudio Santamaria) è stato premiato dalla Federazione dell'industria tedesca. È stato autore a contratto presso il Maxim Gorki Theater di Berlino, al Nationaltheater di Mannheim e allo Staatstheater di Magonza. Su invito del Goethe-Institut e di altre istituzioni, ha condotto laboratori di scrittura e di teatro in Giappone, Spagna, Burkina Faso, Argentina, Ucraina e Cuba. A Napoli ha lavorato con l’ensemble del Nuovo Teatro Sanità e con Mario Gelardi nell’ambito del progetto “Cities on the Edge” prodotto da Maria Carmen Morese. A partire dalla stagione 2018/19 Philipp Löhle è autore a contratto presso il Teatro Stabile Nazionale di Norimberga.

<<  Il mondo che verrà. Dialoghi in quarantena

Top