Accesso rapido:
Vai direttamente al contenuto (alt 1)Vai direttamente al secondo livello di navigazione (alt 3)Vai direttamente al primo livello di navigazione (alt 2)

Intervista con Roberto Andò
Un tempo che porta inquietudine e dolore

Roberto Andò Interview
© Roberto Andò

Le attività culturali sono essenziali e vanno riprese al più presto possibile, scrive il direttore del Teatro Stabile di Napoli Mercadante al Goethe-Institut.

Di Maria Carmen Morese & Johanna Wand


Che spazio ha il suo lavoro nell'isolamento?

Da scrittore e regista sono abituato a passare dei lunghi periodi dedicati alla scrittura, in totale solitudine, nel mio studio. Sono periodi molto belli e di grande raccoglimento interiore. L’isolamento indotto dall’epidemia ha tutt’altro segno, e non necessariamente è compatibile con il lavoro artistico. Nel primo mese di fermo il disorientamento, e la voglia di elaborare quanto stava accadendo, hanno prevalso. Questo non è un tempo guadagnato, è un tempo malato che porta inquietudine e dolore.
 
Come tutti i momenti complicati, è anche fervido di possibilità, cosa ci insegna la crisi?

La crisi deve indurre a ripensare alcuni aspetti della nostra relazione con l’ambiente, con la natura, e col tempo. La nostra corsa arrogante verso il dominio del mondo è stata fermata dal virus, e questo ci terrà in scacco ancora a lungo. Ci sono implicazioni in tutti gli ambiti, dalla politica all’economia. Bisogna stabilire nuove priorità, cambiare marcia. Ma io non sono molto ottimista sulla capacità dell’uomo di rivedere i propri errori.
 
Le circostanze attuali ci sconvolgono e ci preoccupano, ma ci incoraggiano a pensare in maniera visionaria. Cosa sogna/immagina per il dopo?

In questo momento sto pensando a come far ripartire il film che dovevo girare e a come riaprire il teatro che dirigo. Penso che sia importante riprendere in mano quelle attività che danno senso alla nostra vita, e il cinema, il teatro, la musica, l’arte sono in questo essenziali.
 

Note biografiche

Roberto Andò è nato a Palermo nel 1959. Dopo aver seguito studi filosofici, giovanissimo collabora come assistente alla regia con Francesco Rosi e Federico Fellini, in seguito con Michael Cimino e Francis Ford Coppola. Nella sua formazione è decisivo l’incontro con Leonardo Sciascia, con cui stringerà legami di profonda amicizia.
Dal 1980 ha alternato regie teatrali e cinematografiche che lo hanno reso noto internazionalmente, e nel 2012 ha pubblicato con Bompiani il suo primo romanzo, Il trono vuoto, con i quale ha vinto il Premio Campiello Opera prima. Dal 2019 dirige il Teatro Stabile di Napoli Mercadante. Tra i suoi ultimi film Le confessioni (2016) e Una storia senza nome (2018). Il Deutsches Filminstitut & Filmmuseum a Francoforte / Meno ha dedicato una retrospettiva a Roberto Andò nel 2019 nell'ambito del festival del cinema italiano Verso Sud.

<<  Il mondo che verrà. Dialoghi in quarantena

Top