Accesso rapido:

Vai direttamente al contenuto (alt 1)Vai direttamente al secondo livello di navigazione (alt 3)Vai direttamente al primo livello di navigazione (alt 2)

I musei in Namibia
Unità nella diversità

La Namibia dispone di un variopinto panorama museale con musei sia statali sia privati. L’Associazione dei Musei della Namibia, fondata nel 1990, fornisce consulenza professionale ai musei, promuovendo lo scambio sia all’interno del gruppo di esperti dei musei namibiani tra di loro sia con esperti provenienti dall'estero. La spiegazione di Golda Ha-Eiros, curatrice dell'Ufficio per gli Affari dei Veterani.

Di Golda Ha-Eiros

La gestione e il finanziamento dei musei in Namibia è molto varia. Il Museo Nazionale della Namibia, che fa capo al Ministero dell'Educazione, delle Arti e della Cultura, ha il mandato di gestire i musei statali. Ci sono anche musei di proprietà di organizzazioni private e municipalità. L’Associazione dei Musei della Namibia, un'organizzazione non governativa che rappresenta i musei e le istituzioni culturali in tutta la Namibia, riunisce tutti i musei di diverse categorie. L'organizzazione ombrello facilita la creazione di istituzioni del patrimonio culturale come spazi di emancipazione della comunità e di educazione a livello regionale e locale e supporta queste istituzioni attraverso un’attività di consulenza e le sue competenze.

Oltre alle istituzioni tradizionali, che si occupano di conservare, proteggere ed esporre i manufatti culturali e quindi di salvaguardare il ricco patrimonio del Paese, esistono anche “musei viventi” che ricreano ambientazioni storiche per simulare le pratiche di particolari culture indigene, il loro stile di vita e le loro tradizioni. Queste forme di musei promuovono la conservazione della storia orale e di altre forme di patrimonio culturale immateriale.

Una storia intricata

L'origine e l'espansione dei musei moderni in Namibia e lo sviluppo delle collezioni etnografiche nei musei europei riflettono una pratica di collezionismo strettamente legata alle storie del colonialismo, dell'evangelizzazione, del commercio e della guerra. I musei etnografici in Germania, ad esempio, sono in possesso di grandi collezioni di oggetti culturali che sono stati portati via dalla Namibia in contesti coloniali. Queste collezioni stanno diventando sempre più oggetto della “politica della provenienza” e il dibattito sulla loro origine e sulla natura della loro acquisizione ha spostato l'attenzione sulle biografie delle collezioni e dei collezionisti.

"E non ho mai capito come i curatori in Germania siano in grado di curare mostre senza profondità. Ho realizzato che gli oggetti sono statici, non hanno una storia, sono semplicemente oggetti, mentre io credo fermamente che i portino con sé una grande profondità da dove sono stati raccolti, il loro diritto di nascita, dove sono con le persone che erano soliti usarli".

Golda Ha-Eiros nell'intervista

Per quanto controverso possa essere il tema della provenienza e della restituzione, gli esperti museali, gli storici culturali e gli etnologi considerano la ricerca collaborativa e la cooperazione tra i musei della Namibia e della Germania come un mezzo per trovare soluzioni durature a questioni che per molti anni sono rimaste senza risposta.
Nel 2019 esperti della Namibia e del Museo etnologico di Berlino hanno condotto una ricerca dettagliata sulle collezioni namibiane che si trovano all’interno di questo museo.

"Una volta tornati a casa non ci si rende conto che queste competenze esistono davvero fino a quando non le vedi con i tuoi occhi. E c’è stato un moto di orgoglio: "Wow, è stata la mia gente a farlo". Quando guardo come hanno lavorato la pelle e come hanno conservato quella pelle e saldato il ferro - è semplicemente incredibile.

Golda Ha-Eiros nell’intervista


Il progetto di ricerca congiunto ha portato alla produzione di nuove conoscenze sulle collezioni. La cooperazione culturale è stata reciprocamente vantaggiosa perché gli esperti della Namibia e della Germania sono stati attivamente coinvolti in tutte le fasi.

Ricerca collaborativa

Il team di esperti della Namibia ha avuto l'opportunità di condurre ricerche sull'origine e sulle circostanze dell'acquisizione di oltre 1400 oggetti culturali nella collezione del Museo Etnologico di Berlino. Per i namibiani poter vedere e maneggiare questi oggetti, impegnandosi in un approfondito processo di ricerca è stato come aprire un portale sul loro passato. Si sono resi conto che gli oggetti nella collezione, a causa della traslocazione, avevano acquisito un valore diverso, un significato diverso e che avevano perso la loro precedente identità. Soprattutto, è stato loro chiaro che attingendo alla storia e alle conoscenze indigene delle comunità namibiane, gli oggetti potevano essere riportati in vita e riacquistare il loro pieno significato culturale, sociale e storico in Namibia.

"Per i namibiani, poter vedere e maneggiare questi oggetti e impegnarsi in un approfondito processo di ricerca è stato come aprire un portale sul loro passato".

Golda Ha-Eiros nell’intervista

Si spera che il ritorno di questi oggetti al Museo Nazionale della Namibia, sia un enorme contributo alla salvaguardia del patrimonio culturale materiale e immateriale del Paese.

Museologia sociale

Il lavoro di promozione e conservazione del patrimonio culturale in Namibia continua su vari fronti. Oltre alla cooperazione sopracitata, gli esperti dei musei namibiani stanno esplorando altre collaborazioni e rafforzando i partenariati esistenti con le comunità e le istituzioni locali. Ogni anno i musei organizzano congiuntamente la settimana del patrimonio, durante la quale i cittadini sono invitati a partecipare alla celebrazione e alla conoscenza del ricco patrimonio culturale e naturale del Paese. Un gruppo target speciale è costituito dai giovani, che sono agenti cruciali per garantire la sostenibilità delle iniziative di preservazione culturale.

Analogamente, le comunità locali, in collaborazione con le istituzioni culturali, sono incoraggiate a organizzare mostre come mezzo per preservare il loro patrimonio culturale e correggere eventuali interpretazioni errate delle loro pratiche tradizionali fatte in passato. Interpellando gli anziani delle comunità locali durante i progetti di ricerca e di apprendimento, i club scolastici e le società culturali possono conoscere meglio la loro cultura.

Guardando per la prima volta a Berlino gli oggetti culturali del suo Paese - un'intervista del Goethe-Institut a Golda Ha-Eiros al convegno “Oltre il collezionismo: una nuova etica per i musei in transizione” a Dar es Salaam, Tanzania, marzo 2020:

Audio dell'intervista:
Audio wird geladen
 

Top