Accesso rapido:
Vai direttamente al contenuto (alt 1)Vai direttamente al secondo livello di navigazione (alt 3)Vai direttamente al primo livello di navigazione (alt 2)

Palermo: Géraldine Schwarz
Cucina europea

​Cucina Europea 2020 a Palermo: un momento di forte collaborazione. Géraldine Schwarz ha scritto della Vucciria del pittore Renato Guttuso, trasmettendo colori, suoni e odori dello storico mercato attraverso le sue parole. L’Europa può e deve rappresentare qualcosa di concreto in questi tempi: cos’è per noi il mercato della Vucciria oggi? Può un mercato rappresentare ancora nel 2020 il centro dinamico di una città europea? E come si presenta la nostra “mensa europea” a Palermo? Artisti, studenti, cucine sociali e associazioni per l’inclusione dei soggetti fragili sono stati i protagonisti di Cucina Europea – Palermo producendo cibo, solidarietà e immagini da Palermo e per Palermo.

Vai al progetto europeo “Europe’s Kitchen / Cucina europea”

Géraldine Schwarz
La Vucciria

È una combinazione di magia e realtà. Cassette di frutta e verdura, un’autentica esplosione di colori, bancarelle con pesce così fresco da sembrare vivo, un enorme pezzo di carne appeso a un gancio, formaggi fin dove arriva lo sguardo e, al centro di tutta questa abbondanza, siciliani che fanno la spesa, ma soprattutto si vede una donna di spalle con un vestito bianco, le cui rotondità stanno al centro del dipinto. Tutti i sensi sono coinvolti. Si vorrebbe toccare, odorare, inebriarsi dei sapori e degli odori. Lo stile realistico del dipinto dà l’illusione che basterebbe solo aprire una porta per trovarsi in questo leggendario mercato di Palermo, che il pittore Renato Guttuso ha immortalato in un’opera monumentale: La Vucciria

  • La Vucciria © Guttuso
    “La Vucciria” – Sette prospettive contemporanee
    Per il progetto Cucina Europea sette artisti palermitani sono stati invitati ad interpretare La Vucciria di Renato Guttuso e dare la loro visione dello storico mercato.
  • Tornerà Vucciria - Di Maggio
    Tornerà Vucciria
    Rosaria Di Maggio
  • Radici umane -Lombardo
    Radici Umane
    Federica Lombardo
  • La Specisteria - Adragna
    La specisteria
    Giorgia Adragna
  • A nuatri ni piaci fari Vucciria - Lucchese
    A nuatri ni piaci fari vucciria
    Irene Lucchese
  • Panelle e Cazzilli - Zappulla
    Panelle e cazzilli
    Roberta Zappulla
  • La Vanniata nel silenzio - Privitera
    La vanniata nel silenzio
    Salvatore Privitera
  • Distopico Vucciria - Sansone
    Distopico Vucciria - Alessandro Sansone

Artiste e artisti


Géraldine Schwarz © Mathias Bothor 2018 Géraldine Schwarz, nata nel 1974, è un’autrice, giornalista e documentarista franco-tedesca. È un’europeista impegnata; pubblica e interviene in molti paesi su temi come il lavoro sulla memoria, la democrazia e il populismo.

Ha ricevuto nel 2018 il Premio Europeo del Libro per il suo volume Die Gedächtnislosen (Flammarion, Secession Verlag), tradotto in dieci lingue e pubblicato in Italia da Einaudi con il titolo I senza memoria. Storia di una famiglia europea (traduz. di Margherita Botto). Nel corso di tre generazioni della sua famiglia, l’autrice ricostruisce l’elaborazione del passato in Germania e la confronta con quella della Francia e di altri paesi come l’Italia.

 

Europe’s Kitchen / Cucina europea è un progetto del Goethe-Institut, finanziato con fondi speciali del Ministero Federale degli Affari Esteri per il semestre tedesco di Presidenza tedesca del Consiglio dell’UE 2020.
Hellgrünes Logo des Goethe-Instituts auf weißem Grund Logo EU 2020

Top