Accesso rapido:
Vai direttamente al contenuto (alt 1)Vai direttamente al secondo livello di navigazione (alt 3)Vai direttamente al primo livello di navigazione (alt 2)

Città e campagna
Per sentirsi a casa, basta il wifi

Vita in campagna
Immaginando la vita in campagna possiamo figurarci qualcosa di romantico e idilliaco, ma non è tutto oro quel che luccica. | Foto (dettaglio): © Adobe

Sui mezzi di comunicazione si parla quasi ciclicamente di gente che si trasferisce in campagna, ma anche di chi al contrario sceglie di spostarsi in città. E quindi stiamo assistendo allo svuotamento delle città o della campagna? Cosa attira veramente i tedeschi?

Di Petra Schönhöfer

Se si ascoltano i reportage dei mezzi di comunicazione sulle preferenze dei tedeschi nella scelta tra la vita in città o in campagna, si può pensare che le conclusioni tratte siano fortemente contraddittorie: se secondo uno studio del 2019 dell’Istituto tedesco di economia, ad esempio, sempre più tedeschi lasciano le città, a un anno di distanza, per la sede di Dresda dell’IFO, Istituto per la ricerca economica, la percentuale della popolazione nelle zone rurali ha raggiunto il livello più basso dal 1871. Com’è possibile? Città o campagna? Da che parte pende la bilancia? 

Fuga dalla campagna per i giovani

Lipsia, Francoforte e Berlino sono le principali città tedesche che, secondo gli uffici federali di statistica, hanno registrato tassi di crescita particolarmente elevati nel 2018. Non c’è da stupirsene, visto che nelle grandi città le infrastrutture in termini di mobilità, scuole, assistenza all’infanzia, amministrazione e cure mediche sono ai migliori livelli. I dati del Ministero federale degli Interni, ad esempio, mostrano che nelle città-stato di Berlino, Amburgo e Brema e nelle città extra-distrettuali ci sono da 77 a 103 medici di famiglia ogni 100.000 abitanti, mentre in alcuni distretti rurali scarsamente popolati del Meclemburgo-Pomerania occidentale, del Brandeburgo, della Baviera e della Bassa Sassonia il numero dei medici di base scende, attestandosi tra i 17 e i 44 su 100.000 abitanti. Sono soprattutto i giovani adulti tra i 18 e i 30 anni a trasferirsi nelle grandi città, costituendo con il 43%, secondo l’Istituto RWI Leibniz, anche la quota più alta di migrazione interna.
 
La carenza di appartamenti in affitto, tuttavia, sta nuovamente spingendo la gente ad abbandonare la città. Nel quartiere berlinese Kreuzberg, ad esempio, un monolocale di 25 mq costa 1.000 euro al mese, utenze escluse, e quasi nessuno se lo può permettere. Il motivo di questi prezzi sta nel fatto che molti appartamenti vengono acquistati da investitori immobiliari per poi essere messi a disposizione, soprattutto nelle zone migliori, unicamente come alloggi per vacanze. Da qui nascere l’idea che fuori città, dove l’aria è pulita e lo spazio infinito, sia possibile trovare un’alternativa per vivere: una fattoria si può convertire in un modello virtuoso di risparmio energetico nel quale lavorare in smart working con tecnologia multimediale, gustando una torta di mele fatta in casa, mentre i bambini scorrazzano liberamente all’aria aperta. O per lo meno è questo il sogno.

Una campagna non al passo coi tempi

Quest’idea idilliaca della campagna, però, può rivelarsi uno specchietto per allodole: già lavorare da casa, ad esempio, può essere un problema, visto che molte zone rurali sono tuttora sprovviste di una connessione internet veloce. Mentre a Berlino, Monaco o Amburgo oltre il 90% degli utenti dispone di una connessione a banda larga, in molte regioni rurali la quota si attesta al di sotto del 60%. L’infrastruttura digitale, tuttavia, è una condizione essenziale per l’home office, e per chi non può lavorare a distanza, trasferirsi in campagna comporta spesso un pesante pendolarismo: nel 2018 i pendolari in Germania erano circa 19 milioni e per quasi il 60% dei dipendenti il luogo di residenza e quello di lavoro si trovavano in comuni diversi. Per immobili a prezzi più convenienti, generalmente bisogna accettare tempi di pendolarismo di un’ora o più, il che dimostra che anche dal punto di vista ecologico la vita in campagna non è vantaggiosa, anzi, quando le persone vivono in ambienti più ampi, è addirittura responsabile di maggiori livelli di CO2 e richiede sistemi di tenuta più efficaci, nonché più alti consumi energetici per l’elettricità e il riscaldamento.
 
Di conseguenza, anche la maggior parte delle regioni rurali perde abitanti, fenomeno che si constata già da molti anni ed è tanto più evidente quanto più ci si allontana da una grande città. “Soprattutto i giovani evitano la campagna e questo genera una carenza in termini di nascite e di manodopera qualificata”, spiega Felix Rösel, responsabile dello studio dell’IFO di Dresda. In altre parole, si assiste a un invecchiamento della popolazione rurale, e quindi anche al suo decremento, poiché per compensare la più alta mortalità tra gli anziani occorrerebbe un afflusso più consistente di giovani. Il distretto di Bautzen, ad esempio, tra il 2008 e il 2015 è stato abbandonato da quasi un quarto degli abitanti di età compresa tra i 18 e i 29 anni, e insieme ad essi sono scomparsi ristoranti, piccoli negozi di alimentari, macellerie e forni.

Famiglie in fuga dalle città

Ma dove si trasferiscono, allora, i cittadini che decidono di lasciarsi alle spalle affitti esorbitanti, inquinamento e congestione urbana? Secondo l’Ufficio Federale di Statistica, a voltare le spalle alla grande città sono soprattutto e sempre più spesso le famiglie. Gli adulti tra i 30 e i 49 anni con minori al seguito, tuttavia, non si spostano in campagna, ma piuttosto nell’hinterland urbano. Secondo le rilevazioni del Ministero Federale degli Interni, in Germania si registra una crescita demografica nell’hinterland delle metropoli e nelle zone rurali più prospere. Per quanto riguarda la capitale tedesca, il fenomeno è chiamato “Berlin-Drain”: le famiglie si trasferiscono in città di piccole e medie dimensioni del Brandeburgo, la cosiddetta area metropolitana. Secondo lo studio dell’IFO di Dresda, quindi, la popolazione si concentra sempre più in pochi luoghi e Rösel sostiene che “Nell’intero dopoguerra la popolazione tedesca non è mai stata distribuita in modo tanto disomogeneo quanto oggi”.
 
Un comune della Sassonia che vorrebbe approfittare di questa tendenza è Eilenburg, una cittadina sul fiume Mulde ben collegata con Lipsia. Oggi conta di nuovo oltre 17.000 abitanti, mentre nel 2014 non arrivavano a 16.000. Per Daniel Dettling, esperto di Future Studies, è chiaro che cittadine vivranno una rinascita, ma a una condizione: “Le piccole città devono offrire condizioni di vita equivalenti a quelle della metropoli, il che significa che vanno garantiti il servizio di trasporto nell’area metropolitana e una copertura capillare a livello di banda larga e telefonia mobile”. Il motto da seguire: per sentirsi a casa, basta il wifi. Dopo tutto, la gente chiede sempre tutt’e due le cose: il trambusto della città e la tranquillità della campagna, la torta di mele fata in casa e la banda larga. O come sintetizzava Kurt Tucholsky nel 1927 nella sua poesia Das Ideal, “Il Mar Baltico davanti e la Friedrichstraße di Berlino alle spalle”.

Un angolo di campagna in città

Molti sognano una vita in campagna in mezzo alla natura, ma non per tutti è un’opzione realizzabile. Chi non può soddisfare la propria aspirazione campagnola, però, può comunque esaudire qualche desiderio anche in città:
  • In campagna quasi tutti hanno il proprio orto. Oggi chi abita in città e non ha né giardino né balcone può farsi regolarmente consegnare verdure fresche e salutari direttamente dai produttori locali della zona circostante. Foto (dettaglio): ©Adobe
    In campagna quasi tutti hanno il proprio orto. Oggi chi abita in città e non ha né giardino né balcone può farsi regolarmente consegnare verdure fresche e salutari direttamente dai produttori locali della zona circostante.
  • Un’idea nauseabonda? Niente affatto, è una soluzione pulita per il giardino-orticello in affitto in periferia: questa toilette ecologica sfrutta il principio del compost, permettendo di risparmiare acqua e denaro. Foto (dettaglio): © Adobe
    Un’idea nauseabonda? Niente affatto, è una soluzione pulita per il giardino-orticello in affitto in periferia: questa toilette ecologica sfrutta il principio del compost, permettendo di risparmiare acqua e denaro.
  • C’è qualcosa di meravigliosamente rustico in una stufa. Oggi le stufe in maiolica possono essere così pulite ed efficienti da soddisfare persino gli elevatissimi standard fissati per ile emissioni in città come Monaco o Stoccarda. Da questo punto di vista, il legno, in quanto combustibile rinnovabile e neutro a livello di CO2, potrebbe reclamare il proprio posto come preziosa fonte di riscaldamento anche in città. Foto (dettaglio): Adobe
    C’è qualcosa di meravigliosamente rustico in una stufa. Oggi le stufe in maiolica possono essere così pulite ed efficienti da soddisfare persino gli elevatissimi standard fissati per ile emissioni in città come Monaco o Stoccarda. Da questo punto di vista, il legno, in quanto combustibile rinnovabile e neutro a livello di CO2, potrebbe reclamare il proprio posto come preziosa fonte di riscaldamento anche in città.
  • Lasciare asciugare il bucato al sole, innaffiare i fiori con l’acqua piovana… In campagna è normale, ma anche chi vive in città può sfruttare energie alternative, ad esempio per un’asciugatrice a energia solare o un impianto di raccolta dell’acqua piovana. Foto (dettaglio): © Adobe
    Lasciare asciugare il bucato al sole, innaffiare i fiori con l’acqua piovana… In campagna è normale, ma anche chi vive in città può sfruttare energie alternative, ad esempio per un’asciugatrice a energia solare o un impianto di raccolta dell’acqua piovana.
  • In campagna si lavora a maglia, mentre in città si trovano capi d’abbigliamento a prezzi stracciati, ma di pessima qualità. Un luogo comune? Non necessariamente: ci sono marche tedesche che puntano a eleganza e sostenibilità, impiegando materiali biologici e applicando condizioni di lavoro eque. Foto (dettaglio): © Adobe
    In campagna si lavora a maglia, mentre in città si trovano capi d’abbigliamento a prezzi stracciati, ma di pessima qualità. Un luogo comune? Non necessariamente: ci sono marche tedesche che puntano a eleganza e sostenibilità, impiegando materiali biologici e applicando condizioni di lavoro eque.
  • In molte città tedesche si possono comprare prodotti alimentari “dal produttore al consumatore” non solo in periferia, ma anche in centro, perché da Amburgo a Monaco di Baviera, da Colonia a Berlino, gli agricoltori hanno scoperto i punti vendita urbani per la commercializzazione dei prodotti biologici locali. Foto (dettaglio): © Adobe
    In molte città tedesche si possono comprare prodotti alimentari “dal produttore al consumatore” non solo in periferia, ma anche in centro, perché da Amburgo a Monaco di Baviera, da Colonia a Berlino, gli agricoltori hanno scoperto i punti vendita urbani per la commercializzazione dei prodotti biologici locali.
  • In maniera simile funzionano i distributori automatici di generi alimentari: gli agricoltori locali li riforniscono, e gli abitanti della città vi trovano carne biologica per grigliate, latte, uova, miele e persino mazzi di fiori. Per comprare prodotti freschi direttamente dalla campagna 24/24, quindi, basta premere un bottone. Foto (dettaglio): © picture alliance/dpa/Friso Gentsch
    In maniera simile funzionano i distributori automatici di generi alimentari: gli agricoltori locali li riforniscono, e gli abitanti della città vi trovano carne biologica per grigliate, latte, uova, miele e persino mazzi di fiori. Per comprare prodotti freschi direttamente dalla campagna 24/24, quindi, basta premere un bottone.
  • Chi abita in una grande città spesso sogna la vita in campagna, ma non è necessario prendere le ferie per soddisfare il proprio desiderio di natura: in alcune città tedesche ci sono fattorie urbane nelle aree limitrofe alle ferrovie metropolitane. È possibile godere della tranquillità della campagna e comunque arrivare puntualmente in ufficio il giorno dopo. Un viaggetto che fa bene all’anima! Foto (dettaglio): © Adobe
    Chi abita in una grande città spesso sogna la vita in campagna, ma non è necessario prendere le ferie per soddisfare il proprio desiderio di natura: in alcune città tedesche ci sono fattorie urbane nelle aree limitrofe alle ferrovie metropolitane. È possibile godere della tranquillità della campagna e comunque arrivare puntualmente in ufficio il giorno dopo. Un viaggetto che fa bene all’anima!

Top