Accesso rapido:

Vai direttamente al contenuto (alt 1)Vai direttamente al secondo livello di navigazione (alt 3)Vai direttamente al primo livello di navigazione (alt 2)

Olga Grjasnowa
Analisi imparziali dei tempi

Olga Grjasnowa alla Fiera del Libro di Praga
Olga Grjasnowa alla Fiera del Libro di Praga | © Björn Steinz/Goethe-Institut

Nei romanzi di Olga Grjasnowa si intrecciano trame inconsuete e complesse questioni politiche. Il suo sguardo analitico e uno stile fresco e personale entusiasmano tanto i lettori quanto la critica.

In breve

Olga Grjasnowa è nata nel 1984 da una famiglia ebrea russa a Baku, in Azerbaigian. Nel 1996 si è trasferita con la famiglia in Germania, nell’Assia, nell’ambito di un’azione umanitaria di contingentamento di rifugiati, iniziando a imparare il tedesco a 11 anni. Nel 2010 si è laureata in Scrittura letteraria presso l’Istituto di Letteratura Tedesca di Lipsia. A conclusione di alcuni soggiorni studio in Polonia, Russia (all’Istituto di Letteratura Maxim Gorki) e Israele, ha studiato Coreutica alla Libera Università di Berlino. È sposata con l’attore siriano Ayham Majid Agha, con il quale ha una figlia.
 
Con Der Russe ist einer, der Birken liebt (trad. lett.: Il russo è uno che ama le betulle), acclamato romanzo d’esordio, ha vinto il Premio Klaus Michael Kühne e il Premio Anna Seghers. Nel 2014, sovvenzionata da una borsa di studio del Senato di Berlino, ha pubblicato Die juristische Unschärfe einer Ehe (trad. lett.: L’indefinitezza giuridica di un matrimonio), che si è aggiudicato il Premio Chamisso, e di entrambi i romanzi è stata realizzata una versione teatrale. Nel 2017 è uscito il romanzo Gott ist nicht schüchtern (trad. lett.: Dio non è timido).

Protagonisti caparbi, culturalmente ibridi

L’autrice è apprezzata e premiata per uno sguardo acuto e analitico e uno stile fresco e personale. Nel 2012 ha ottenuto il Premio Anna Seghers e la nomination al Deutscher Buchpreis con il suo primo romanzo, ritratto di una giovane donna tanto ambiziosa e autodeterminata quanto inquieta. Il secondo romanzo, Die juristische Unschärfe einer Ehe, pubblicato nel 2014, vive di protagonisti altrettanto caparbi che si reinventano continuamente. Ciò che li accomuna è uno scarso riguardo nei confronti di categorie restrittive e al contempo identitarie come patria, cultura o religione, e una certa disposizione a levare le tende quando la situazione si fa troppo seria, intensa e conflittuale.
 
L’ambientazione del primo romanzo – la città natale Baku e l’Assia, in cui ha trascorso la gioventù dopo l’immigrazione in Germania nell’ambito di un’azione umanitaria di contingentamento di rifugiati ebrei – pare rispecchiare in parte la vita della stessa scrittrice, eppure Der Russe ist einer, der Birken liebt non è affatto autobiografico: da attenta osservatrice, Olga Grjasnowa tiene semplicemente a scrivere con piena cognizione di causa, ed è anche per questo che durante gli studi presso l’Istituto di Letteratura Tedesca di Lipsia, conclusi nel 2010, si è concentrata in particolare sui seminari di ricerca, andando poi a integrare il lato teorico con semestri frequentati all’Istituto di Letteratura Maxim Gorki di Mosca e in Scrittura Scenica all’Università delle Arti di Berlino. Per i flashback ai tempi del conflitto tra Armenia e Azerbaigian per la regione caucasica del Nagorno-Karabakh, ha svolto ricerche approfondite in loco, parlando a lungo con persone che li hanno vissuti. Il suo scopo – racconta – è rendere spiegabili “i meccanismi che portano alla violenza a sfondo etnico e la messa in scena di pogrom in poche settimane, non solo in quei luoghi”.

Un road-movie attraverso il Caucaso

Le sue ricerche sul Caucaso sono confluite anche nel romanzo Die juristische Unschärfe einer Ehe, che nel 2015 le è valso il Premio Adelbert von Chamisso. Quello che le premeva sottolineare era “il netto contrasto tra le attuali realtà post-sovietiche in Azerbaigian, Georgia, Armenia e Russia – dove la violenza contro gli omosessuali rientra nella ragione di Stato – e l’ambiente dei party berlinesi”: i due protagonisti, la ballerina professionista Leyla e lo psichiatra Altay, optano per un cosiddetto “lavender marriage”, un matrimonio di facciata per nascondere i rispettivi orientamenti omosessuali e vivere a Mosca senza problemi di discriminazione, sviluppando tra loro anche una tenera intimità che non ha bisogno di definizioni. Il romanzo li segue mentre si spostano verso Berlino e – dopo qualche crisi, qualche complicazione e una relazione a tre – verso Baku, trasformandosi in un road-movie attraverso il Caucaso narrato in maniera acuta, veloce e diretta, che evidenzia un continuo contrasto tra libertà e pretese, finché, proprio quando sembra che, nel loro piccolo, abbiano raggiunto una situazione ottimale, la società torna con prepotenza a far sentire la propria pressione, spingendo verso una situazione di normalità e pretendendo con amichevole brutalità il ripristino degli equilibri di potere.

Analisi imparziali dei tempi

Nel 2017 è uscito il suo ultimo romanzo, Gott ist nicht schüchtern, uno sconvolgente documento storico che racconta la storia di Amal e Hammoudi, due giovani belli e privilegiati che credono nella rivoluzione del loro Paese. Amal sta vivendo i primi successi come attrice e sogna di diventare famosa, ma due anni dopo si trova a lottare tra i flutti dell’oceano e, mentre la nave da carico che avrebbe dovuto portarla clandestinamente in Europa sta affondando, riesce a salvare un neonato, che terrà con lei. Hammoudi, laureato in medicina, dopo aver trovato lavoro in un ospedale parigino, si reca a Damasco per sbrigare le ultime formalità, ma si ritrova con un centinaio di sconosciuti su un minuscolo gommone e la sua unica speranza è riuscire ad arrivare vivo a Lesbo. Amal e Hammoudi si ritrovano soltanto a Berlino, quando ormai hanno perso tutto e devono ricominciare completamente da zero.

Fonti d’ispirazione sempre nuove

“Quando qualcosa mi agita, mi metto a scrivere”, afferma Olga Grjasnowa. Ad ispirarla c’è sempre più di un motivo: l’indolenza, il fanatismo per i confini, il razzismo nel quotidiano, tutti fenomeni che analizza meticolosamente, ma in maniera quasi incidentale: le sue diagnosi disadorne e leggermente ironiche, infatti, scorrono parallelamente alla trama come su uno schermo bipartito. È proprio una sua peculiarità affrontare quasi en passant modelli concettuali consolidati, sferrando tuttavia attacchi molto diretti. È lo stile che adotta anche nei suoi contributi al blog di letteratura a testo libero del settimanale Die Zeit o al Conflict Food, un progetto del teatro Gorki di Berlino con pubblico, suo marito – l’attore Ayham Majid Agha – e uno chef specializzato in cucina francese, indiana o persiana, che discorrono tranquillamente di stereotipi di genere e argomenti politico-culturali sfilettando pesce.
 

Olga Grjasnowa legge brani del suo romanzo Gott ist nicht schüchtern
 

Top