Accesso rapido:
Vai direttamente al contenuto (alt 1)Vai direttamente al secondo livello di navigazione (alt 3)Vai direttamente al primo livello di navigazione (alt 2)

Britta Teckentrup
Suggestiva obiettività

Britta Teckentrup
Britta Teckentrup | Foto (dettaglio): © privato / Ars Edition

“La natura e le emozioni” le riescono facili, dice: Britta Teckentrup, illustratrice di libri per bambini, ama fare disegni profondi, puntando a un equilibrio tra obiettività ed empatia.

Di Romy König

I primi libri illustrati di Teckentrup sono stati creati a Londra, dove questa artista cresciuta a Wuppertal si è trasferita all'età di 18 anni, per studiare illustrazione e libere arti presso il St Martin’s College e il Royal College of Art. Con queste prime pubblicazioni, a suo dire, voleva soprattutto guadagnarsi da vivere piuttosto che realizzarsi artisticamente. Tuttavia, ben presto ha scoperto di voler unire la libera arte con il mezzo del "libro". La casa editrice Jacoby & Stuart le ha finalmente reso possibile tutto questo: illustrare libri per bambini con un più alto livello artistico, con tutta la libertà di esprimersi.

  • Britta Teckentrup: “Albero” (Sassi junior, 2016) Foto (dettaglio): © Britta Teckentrup / Ars Edition
    Britta Teckentrup: “Albero” (Sassi junior, 2016)
  • Britta Teckentrup: “Blu” (Gallucci, 2020) Foto (dettaglio): © Britta Teckentrup / Ars Edition
    Britta Teckentrup: “Blu” (Gallucci, 2020)
  • Britta Teckentrup: “Ape” (Sassi junior, 2017) Foto (dettaglio): © Britta Teckentrup / Ars Edition
    Britta Teckentrup: “Ape” (Sassi junior, 2017)
  • Britta Teckentrup: “L'albero dei ricordi” (Gallucci, 2018) Foto (dettaglio): © Britta Teckentrup / Ars Edition
    Britta Teckentrup: “L'albero dei ricordi” (Gallucci, 2018)
  • Britta Teckentrup: “I piccoli segreti della natura” (Macro junior, 2019) Foto (dettaglio): © Britta Teckentrup / Ars Edition
    Britta Teckentrup: “I piccoli segreti della natura” (Macro junior, 2019)
  • Britta Teckentrup: “Luna” (Sassi junior, 2017) Foto (dettaglio): © Britta Teckentrup / Ars Edition
    Britta Teckentrup: “Luna” (Sassi junior, 2017)

Educativi, ma anche ricchi di atmosfera

Così, tra le tante altre opere, è nato Alle Wetter, un libro che non ha solo illustrato, ma anche scritto. A differenza di altri racconti per bambini sulla meteorologia, non contiene semplicemente nozioni di “scienze naturali”, come afferma l'editore. Teckentrup descrive il modo in cui hanno origine i fenomeni atmosferici con parole piuttosto oggettive, catturandone però nei suoi disegni allo stesso tempo l'essenza: il risveglio primaverile, la nebbia umida, le calde giornate estive, le tempeste furiose.
 
Come modelli per il suo stile ricco di atmosfera, l'artista cita Tiziano e Turner, Van Gogh, Munch e anche Caspar David Friedrich – pittori nei cui quadri i fenomeni atmosferici hanno sempre avuto un ruolo importante. Per il riuscito equilibrio tra scienze naturali ed empatia, Alle Wetter ha ricevuto una nomination al Deutscher Jugendliteraturpreis, il Premio Tedesco dedicato alla letteratura per ragazzi, nella categoria saggistica.

Un successo tardivo sul mercato librario tedesco

Per anni Teckentrup, rimasta in Inghilterra per quasi vent'anni, ha pubblicato i suoi libri fuori dalla Germania. In patria il successo è arrivato solo nel 2013, quando è stato pubblicato da Ars Edition il libro Der Baum der Erinnerung (L'albero dei ricordi. Gallucci, 2018), diventando ben presto un classico per bambini sull'elaborazione del lutto. Attualmente l'artista, che oggi vive a Berlino, ha alle spalle 100 pubblicazioni di libri per bambini di diversi formati, di cui solo 16 pubblicati in Germania.

Continuare a metterci tutta se stessa

Anche il suo nuovo libro per bambini ritrae di nuovo le emozioni e gli stati d'animo: la storia Der blaue Vogel (Blu. Gallucci, 2020) affronta il tema della tristezza e della depressione, ma allo stesso tempo vuole trasmettere speranza, compassione e calore. Ancora una volta un atto di equilibrio, nel quale Teckentrup rimane fedele al suo stile empatico e al suo motto di lavoro: a qualsiasi cosa stia lavorando, così ha detto una volta, “dentro ci deve essere il cuore”.

Top