Accesso rapido:

Vai direttamente al contenuto (alt 1)Vai direttamente al secondo livello di navigazione (alt 3)Vai direttamente al primo livello di navigazione (alt 2)

Franzobel
La zattera della Medusa

Un romanzo ambizioso che riesce a ridare voce, attraverso una polifonia negromantica, ai lamenti di sommersi e salvati i cui nomi si sono inabissati nel gorgo del tempo.

 

La zattera della Medusa di Franzobel La zattera della Medusa di Franzobel | © Il Saggiatore 2019 La zattera della Medusa è un angosciante viaggio attraverso un inferno liquido di soprusi, violenza e cannibalismo. Tra sadici marinai senza morale, perversi cuochi di bordo dal labbro leporino, mostruosi giganti asiatici dalla forza sovraumana e vanitosi ufficiali, incapaci di governare altro se non la frusta, Franzobel intesse un’appassionante narrazione storica attorno a una delle vicende più inquietanti della Francia moderna.

Il suo è un romanzo ambizioso, che riesce a ridare voce, attraverso una polifonia negromantica, ai lamenti di sommersi e salvati i cui nomi si sono inabissati nel gorgo del tempo.

Una lugubre ballata del mare, che rivela ancora una volta con quale ferocia la natura possa violentare la carne lungo i solchi tracciati dalla disperazione.

Il Saggiatore 2019 
Traduzione italiana di Silvia Verdiani

Franzobel

Franzobel © Foto (dettaglio): Julia Haimburger Franzobel è lo pseudonimo dello scrittore austriaco Franz Stefan Griebl, autore di romanzi, poesie e testi teatrali. Nato a Vöcklabruck nel 1967, è stato premiato (fra gli altri) con il Ingeborg-Bachmann-Preis (1995, per Die Krautflut), il Arthur-Schnitzler-Preis (2002) e il Nicolas-Born-Preis (2017).

Di recente ha pubblicato presso la casa editrice Zsolnay i romanzi gialli Wiener Wunder (2014) e Groschens Grab (2015) come anche il romanzo Das Floß der Medusa (2017), per il quale è stato selezionato per il Deutscher Buchpreis e si è aggiudicato il Bayerischer Buchpreis. Del 2019 è il suo ultimo romanzo giallo Rechtswalzer

Libri in traduzione italiana: La zattera della Medusa (Il Saggiatore 2019).

<<< Torna a Passo la parola

Top