Temi

C’era una volta... la crisi © Goethe-Institut | Grafik: Tobias Schrank

10 anni di crisi in Italia, Belgio, Francia, Germania, Portogallo e Spagna
C’era una volta... la crisi

Dieci anni fa, partendo dagli Stati Uniti, esplodeva una crisi economica globale che avrebbe portato scompiglio anche in Europa. I Goethe-Institut in Italia, Belgio, Francia, Portogallo e Spagna hanno deciso di raccontare l’esperienza nei propri Paesi e in Germania nel mondo del lavoro, della politica e della cultura.

Tracce di memoria. Storie europee Illustrazione: Tobias Schrank © Goethe-Institut

Storie europee
Tracce di memoria

In occasione dell’Anno europeo del patrimonio culturale 2018, raccogliamo e raccontiamo le storie di tracce europee di memoria: invenzioni e conquiste nate in contesti di scambio europeo.

Molte persone sedute al sole nei pressi di un ruscello nel Giardino inglese di Monaco. Foto: Svetlana Kerestely © Goethe-Institut

Vita moderna
Estate in Germania

Estate in Germania vuol dire: fare grigliate vicino a un fiume, rilassarsi in giardino e mangiare un gelato a cielo aperto. Ma chi lavora, mentre noi ci rilassiamo? Chi ripara le nostre bici, chi pensa alla nostra sicurezza in spiaggia e chi ci fa volare fino alle lontane mete di vacanza? Vi mostriamo come viene vissuta l'estate in Germania.

Abitare Illustrazione: Tobias Schrank © Goethe-Institut

Vivere in città: problemi e tendenze
Abitare

Come possiamo rendere le nostre città abitabili in una prospettiva futura, nonostante una scarsa disponibilità di appartamenti, canoni di locazione elevati, traffico urbano prossimo al collasso e spazi sempre più ridotti? Quali sono le vere le problematiche e quali le possibili soluzioni? Fenomeni sociali e tendenze nel settore abitativo.

MAAM – Museo dell’altro e dell’altrove, Roma © Goethe-Institut Italien / Foto: Sarah Wollberg

Arte contemporanea
KunstRaum incontra…

Per KunstRaum incontra… il Goethe-Institut si confronta con artiste/artisti e curatrici/curatori d’arte contemporanea che in vari modi si muovono tra la Germania e l’Italia.

Sul divano verde: 1968–2018 © Goethe-Institut Rom / Grafica: Eleonora Salerno

Sul divano verde

Siate realisti, chiedete l’impossibile, è forse una delle frasi del ’68 che più fanno riflettere a cinquant’anni di distanza. Tre incontri Sul divano verde si interrogano sull’eredità e l’influenza di quella stagione storica, ma soprattutto sull’urgenza di dare forma a nuovi sogni e a nuove forme di contestazione e di aggregazione sociale e politica.

Finestra su Berlino © Goethe-Institut Italien / Lucia Conti

Finestra su Berlino

Cosa si trova unicamente a Berlino? Che cosa rende Berlino proprio Berlino? Come reagisce la città alle sfide di una moderna metropoli? Quali sono gli effetti e le caratteristiche della sua innovazione e trasformazione urbana? Con questa rubrica apriamo una finestra e, con giornalisti e film-maker del posto, diamo uno sguardo al variegato panorama che offre la città.

Disegni degli alunni della Scuola Primaria “Carlo Pisacane”, Torpignattara (Roma) © Goethe-Institut Italien

Benvenuti a scuola

L’integrazione scolastica dei minori in fuga è un tema già affrontato e noto, tante sono infatti le esperienze, così come i materiali didattici e le possibilità di formazione. Allo stesso tempo però il numero sempre maggiore di rifugiati pone alla scuola nuove sfide: da un lato favorire l’inclusione di minori in fuga, o comunque con un background migratorio, dall’altro non perdere attrattività agli occhi dei genitori degli altri alunni.

Italo-Berlinesi © Goethe-Institut Italien

Italo-Berlinesi oggi

Il boom degli italiani che si trasferiscono a Berlino sembra perdurare: nel 2015 la Germania è stata la meta preferita dell’emigrazione italiana. Ma perché proprio la capitale tedesca? Che cosa promette? Coincidono ideale e realtà?

Bambini nel sonno © Pavel Wolberg

Andare... ma dove?

Scrittori e intellettuali di tutto il mondo hanno risposto per noi a un questionario sul fenomeno dei profughi e dell’immigrazione.
Per il portale del Goethe-Institut Italien abbiamo selezionato 27 contributi particolarmente interessanti.