Accesso rapido:
Vai direttamente al contenuto (alt 1)Vai direttamente al secondo livello di navigazione (alt 3)Vai direttamente al primo livello di navigazione (alt 2)

Spiccatamente... Berlino
Tra cani

Cani a Berlino
Cani a Berlino | Foto (particolare) © picture alliance / abaca

Sono 100 mila i cani che vivono a Berlino, e il nostro editorialista Gerasimos Bekas li conosce tutti. Oggi ci racconta in esclusiva del disagio vissuto dai residenti.

Di Gerasimos Bekas

Faccio parte di quelle persone che non hanno bisogno di puntare la sveglia per alzarsi la mattina, e no, non ho neanche un orologio interno: semplicemente ho dei vicini che ogni giorno si incontrano puntualmente alle 6:30 davanti alla mia finistra. E il problema non sono sempre i cani, perché è difficile che si mettano ad abbaiare.
 
A farsi sentire, piuttosto, sono i loro proprietari, che gridano “Vieni qui, Johnny, qui!” o discutono ad alta voce con altri proprietari di cani o con i passanti. A Berlino, ad esempio, c’è l’obbligo del guinzaglio nei luoghi pubblici, per cui è vietato lasciare liberamente scorrazzare i cani, eppure sono in tanti a non rispettare questa regola, ed è per questo che nascono numerose discussioni, secondo il principio che can che abbaia non morde.

Sono oltre 100.000 i cani che vivono a Berlino e devono essere portati a spasso; la maggior parte di loro è concentrata nel quartiere di Marzahn-Hellersdorf, a Friedrichshain-Kreuzberg ce ne sono relativamente pochi e i più rumorosi, ovviamente, stanno sotto casa mia. L’entusiasmo berlinese per i cani è visibile ovunque in città.
 
È raro girare per Berlino senza vedere qualcuno che impreca mentre cerca di ripulirsi una scarpa da escrementi di cane, un problema talmente vecchio e diffuso che si è persino sviluppata la credenza che pestarli porti bene! E chi potrebbe essere più preciso e schietto di Peter Fox in Schwarz zu blau, la canzone in cui canta l’amore per i cani che pervade le strade di Berlino:
 
Und überall liegt Scheiße,
man muss eigentlich schweben
Jeder hat ’nen Hund,
aber keinen zum Reden

 
ossia: “Merda ovunque, bisognerebbe volare! Tutti hanno un cane, ma nessuno con cui parlare”.
 
Devo dire però che il discorso non vale per le persone che si incontrano davanti casa mia: loro gli escrementi dei loro amici a quattro zampe li raccolgono, l’unico problema è che parlano, anzi, per i miei gusti gridano. E come sempre, a Berlino, l’eccezione conferma la regola.
 

“Spiccatamente… ”

Per la nostra rubrica “Spiccatamente…” scrivono, alternandosi settimanalmente, Gerasimos Bekas, Maximilian Buddenbohm, Qin Liwen e Dominic Otiang’a.  Per “Spiccatamente… Berlino” Gerasimos Bekas si avventura nel trambusto, raccontando la vita nella grande città e osservandone il tran-tran quotidiano in metropolitana, al supermercato e nei locali.

Top