Sedici parole (Sechzehn Wörter)
Nava Ebrahimi

Libera Picchianti legge Nava Ebrahimi
da sin a ds: copertina del libro, Foto: © Keller editore; Libera Picchianti, Foto: © Goethe-Institut Italien/Carmen Hof

Questo #Lesetipp è di Libera Picchianti
Sede centrale per le certificazioni in Italia al Goethe-Institut Rom

Keller editore 2020, traduzione di Angela Lorenzini

“Dopo la morte della nonna, Mona decide di tornare in Iran per un ultimo saluto. Il Paese che trova è una terra ormai inafferrabile, in parte sconosciuta, da lasciare in fretta per tornare alla solita vita di Colonia con il lavoro da ghostwriter e le serate nei club musicali. Ma l’incontro con un vecchio amore e un viaggio a Bam – l’antica città che dopo un disastroso terremoto è solo il fantasma di ciò che era un tempo – cambia ogni cosa. Quella visita si trasforma in un confronto inatteso con le proprie origini e la storia di famiglia, con segreti di cui è sempre stata all’oscuro. Attraverso sedici parole, una per ogni capitolo del romanzo, Nava Ebrahimi ci conduce in un viaggio magico e poetico nel cuore di un Paese pieno di silenzi ed enigmi. Si muove tra infanzia ed età adulta, racconta un mondo di donne forti, misericordiose e talvolta crudeli, di uomini e sogni, di sconfitte e dignità, di fughe e amori nascosti.

Sedici parole è stato premiato come Migliore debutto dell’anno in Austria e ci regala una voce nuova, sensibile e acuta della letteratura che si muove tra culture diverse” (tratto dalla quarta di copertina del libro, © Keller editore)

<<< Torna a Quarta di copertina

Top