Germania per principianti
Germania low budget (e sosteni­bile!)

Germania low budget (e sostenibile!)
© Alexandra Faust

Soprattutto se si è apprendisti, studenti o tirocinanti, probabilmente non si nuota nel denaro e quindi si ha l’esigenza di tenere le spese sotto controllo. Ecco a voi qualche pratico consiglio per vivere e viaggiare in Germania con un occhio al portafoglio, con effetti positivi anche sull’ambiente.

Di Marina Hader

Viaggio

Per viaggiare in Germania in modo più economico e rispettoso dell’ambiente, la soluzione migliore è il treno, il pullman a lunga percorrenza o il car pooling. Se optate per il treno, informatevi per tempo in internet sulle offerte disponibili, perché acquistare i biglietti allo sportello è spesso più costoso. Su bahn.de troverete proposte vantaggiose se prenoti con qualche settimana di anticipo. Ancora più economico è ltur.com che propone offerte convenienti a partire da una settimana prima della partenza. Attenzione, però: il numero dei posti è limitato e quindi i biglietti per la tratta che vi interessa potrebbero esaurirsi rapidamente! Dal 2013 esistono anche pullman a lunga percorrenza che collegano le principali città tedesche con altre città in Germania e all’estero. Sul portale busliniensuche.de. troverete orari e prezzi aggiornati, che oltre a informazioni sui pullman a lunga percorrenza, spesso offre anche un confronto per effettuare la stessa tratta in treno o mediante “Mitfahrgelegenheiten”, ossia il car pooling.
 
La parola tedesca sembra uno scioglilingua, ma come metodo di viaggio può rivelarsi estremamente vantaggioso: ci sono apposite piattaforme, come blablacar.de, che raccolgono le offerte di automobilisti privati con posti disponibili in macchina per una determinata tratta. Per partecipare, basta registrarsi nel portale, inserire la tratta desiderata e selezionare il periodo, ed ecco che appariranno i contatti di automobilisti (in genere telefono o e-mail) con tanto di recensioni su stile di guida e comfort pubblicate da persone che hanno già condiviso un viaggio con la persona in questione. In cambio del passaggio fornito, contribuirete ai costi del carburante, e in questo modo il vantaggio sarà reciproco.

Alloggio

In città universitarie particolarmente ambite o nelle zone residenziali più gettonate, è possibile che per trovare una stanza in un appartamento condiviso ci si debba sottoporre a procedure di candidatura piuttosto lunghe, che nel tedesco corrente si chiamano “WG-Castings”. Un’alternativa vantaggiosa a queste ricerche spesso estenuanti è offerta da programmi come “Wohnen für Hilfe” o dalle cosiddette “integrative WGs”, per i quali di solito c’è meno richiesta.

Germania low budget (e sostenibile!) © Marina Hader Con Wohnen für Hilfe, come suggerisce il nome stesso (“alloggio in cambio di aiuto”), invece di pagare una quota di affitto, l’inquilino offre un aiuto, in genere collaborando a tenere pulita e in ordine la casa, a curare il giardino, a fare la spesa, oppure con passeggiate o iniziative in comune. Spesso i proprietari sono persone anziane che offrono volentieri ospitalità in cambio di un sostegno nel quotidiano (per ulteriori informazioni, visitate il sito wohnenfuerhilfe.info). Il concetto alla base di una Integrative Wohngemeinschaft (“condivisione e integrazione in appartamento”) è invece l’integrazione di persone diversamente abili mediante convivenza in uno stesso appartamento di persone con e senza disabilità che si sostengono nel quotidiano. Per trovare offerte di questo tipo nella città che vi interessa, potete rivolgervi a enti come la Caritas o la Lebenshilfe.

Vitto

Se vi piace muovervi ai limiti della legalità, potrebbe interessarvi il Containern: l’idea alla base è la lotta contro lo spreco alimentare mediante apertura nottetempo dei cassonetti dei supermercati, alla ricerca di cibo scartato, ma tuttora commestibile. Va detto, tuttavia, che l’iniziativa non è completamente legale, in quanto il contenuto dei cassonetti dei supermercati è di proprietà di questi ultimi. 

Per chi è meno temerario, ci sono poi le foodsharing communities, anch’esse volte ad evitare il più possibile gli sprechi alimentari. Per partecipare, basta registrarsi su foodsharing.de ed essere così aggiornati su ciò che viene condiviso o regalato nella propria città, e naturalmente si può contribuire attivamente segnalando ciò che per i motivi più svariati si vuole dar via.

Soprattutto nelle città più grandi sta spopolando sempre l’app per l’acquisto di alimenti TooGoodToGo.de/de: ristoranti, chioschi e in parte anche supermercati vendono a prezzi notevolmente ridotti cibi prossimi alla scadenza.

Bici, abbigliamento, libri

Potete trovare biciclette, mobili ed elettrodomestici nuovi e usati nella vostra zona nella rubrica riservata agli annunci kleinanzeigen.ebay.de di eBay o anche nella sezione annunci sul giornale locale. Su ebay.de si trovano anche libri nuovi e usati, e lo stesso vale per l’abbigliamento. Per quest’ultimo esiste anche un’altra piattaforma, particolarmente popolare tra i giovani in Germania: su kleiderkreisel.de basta registrarsi per trovare una grande quantità di vestiario di seconda mano, oppure scambiare, vendere o regalare capi d’abbigliamento che non indossate più.

Spero che questi consigli vi siano utili e che presto possiate offrire anche voi qualcosa in cambio o in condivisione. Perché, come si dice, sharing is caring!

Top