Progetto internazionale ATLAS OF MEDITERRANEAN LIQUIDITY

Mappa Genova ©Zones Portuaires Genova e Corpi Idrici

lun, 05.12.2022

18:30

Genova, LaClaque Teatro della Tosse/Fondazione Luzzati

Presentazione della mappa polifonica IMMERSE

L´innovativo atlante digitale " Atlas of Mediterranean Liquidity" creato dal Goethe-Institut insieme al Center of Digital Art di Holon in Israele, porta, dopo un anno di elaborazione, i suoi frutti. Dalla collaborazione di 13 sedi del Goethe-Institut di Nord Africa, Egitto, Turchia, Croazia, Cipro e Italia, è nata una raccolta di mappe che, in un work in progress, propone nuove prospettive sul nostro rapporto con l'acqua.
Partendo dalla convinzione che il mondo di oggi debba essere raccontato e rappresentato in modi nuovi,  questo atlante polifonico offre narrazioni sorprendenti sull'elemento base della vita, invitando al dialogo creativo.

Genova contribuisce all´altante con la mappa IMMERSE, che sarà lanciata sulla piattaforma MedLiq.art, e il 5 dicembre presentata a LaClaque in un evento multimediale che ne illustrerá il processo creativo.

 IMMERSE è l’esito del confluire delle pratiche e delle ricerche sul territorio costiero e dell’entroterra genovese portate avanti negli ultimi anni dai collettivi transdisciplinari Zones Portuaires Genova e Corpi Idrici, a seguito del workshop The MedLiq Atlas curato dal CDA Holon (Israele) e della residenza artistica 
STELLARE IN THE SEA un anno fa.

Un gruppo di artiste, architetti, musicisti e ricercatrici dei due collettivi ha sviluppato una mappa interattiva, in cui luoghi e paesaggi vengono raccontati attraverso testi, video, immagini e suoni elaborati sulla base delle registrazioni sul campo e subacquee.

La mappa offre un’affascinante immersione multisensoriale che restituisce una narrazione  inedita del territorio genovese e della sua vulnerabilità, dominato dalle dinamiche dell'acqua tra l'entroterra e il mare aperto.

L'invisibile, l'ignoto e il perduto vengono a galla. Le storie emergono lungo le rotte di acqua dolce e salata, tra terra e mare. I siti mappati sono corsi d'acqua con argini artificiali, moli portuali, infrastrutture industriali marittime e idrauliche, aree dell'entroterra e della costa dove la natura resiste all'intervento antropico.

Durante la presentazione, gli artisti coinvolti nel progetto accompagneranno il pubblico con immagini suggestive e un racconto attraverso l'universo dei corsi d'acqua e i mondi sommersi del territorio genovese.

Alla presentazione seguirá un DJ set di FiloQ.

IMMERSE è presentato dai partner coinvolti: Juan Lopez Cano, Maria Pina Usai (concept, curatela e sviluppo), Silvia Badalotti, Gaia Cambiaggi, Anna Positano, Nuvola Ravera (fotografia & video), Stellare, Matteo Manzitti (sound), Maria Elena Buslacchi, Anna Daneri (storie), Matteo Casari (mappa) e Annalisa Gatti (grafica).

Qui il Link all' intervista all' architetto Maria Pina Usai (Zones Portuaires Genova).

Indietro