Mostra Connessioni in Ceramica

Vespa vasaia © Rushenb | CC BY-SA 3.0 https://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0/deed.en

mar, 09.04.2019 -
mar, 31.12.2019

Museo della Ceramica

Palazzo Gavotti
Piazza Chabrol
Savona

Delta arcuata, potter wasp © Rushenb | CC BY-SA 3.0 | modificato da Esther Celli

Dalle vespe vasaie alla stampa 3D

Connessioni in ceramica: dalle vespe vasaie alla stampa 3D è un progetto interdisciplinare che coniuga entomologia, arte contemporanea, tradizione ceramica e ricerca scientifica e tecnologica. Discipline che permetteranno di conoscere e valorizzare l’intenso lavoro di un infaticabile insetto quale la vespa, normalmente ritenuto inutile, insignificante e fastidioso, ma il cui lavoro invisibile riserverà invece grandi sorprese.
 
“Connessioni in ceramica” prende avvio dall’opera Nido di Vespa del ceramista Jorge Hernandez, che da anni colleziona i nidi in argilla di vespe vasaie e muratrici raccolti in tutto il mondo. Per preservarli nel tempo, renderli meno fragili e farli conoscere al pubblico, Hernandez ha deciso di cuocerli ed esporne una parte al Museo della Ceramica di Savona.
L’installazione dei nidi è accompagnata dall’opera video Sono Vespa dell’artista Simonetta Fadda. L’opera mostra la geometria di queste piccole architetture fatta di cerchi concentrici, delle specie di spirali simili ai movimenti in volo delle vespe. Ispirandosi a tale struttura, il video si compone di una serie di avvicinamenti e intrusioni: la telecamera spazia sulla superficie e cerca di entrare nei pertugi, poi lo sguardo naufraga nella materia osservata, confondendosi.

Scienza, arte e ceramica si incontrano nel progetto attraverso il coinvolgimento dell’entomologa Dominique Zimmermann, collaboratrice del Museo di Storia Naturale di Vienna, invitata dal Museo della Ceramica per l'apertura della mostra a parlare a nome delle vespe ed illustrarne le fattezze e  il loro metodo di costruzione dei nidi in argilla.

Il progetto si chiude con la stampante 3D. Di recente dotazione del nuovo laboratorio del Museo è infatti una stampante 3D dell’azienda italiana Wasp che trae il suo nome proprio dalla vespa che lavora l’argilla. Osservando l’insetto all’opera e rendendosi conto di come nessun uomo sarebbe stato in grado di replicarne l’operato, i fondatori dell’azienda hanno deciso di creare stampanti che utilizzassero la tecnica di lavorazione dell’argilla delle vespe.

Il progetto è curato da Tiziana Casapietra, direttrice del Museo della Ceramica di Savona, ed è realizzato con il contributo del Comune di Savona e del Goethe-Institut Genua e la sponsorizzazione tecnica di Noberasco.



Connessioni in Ceramica: dalle vespe vasaie alla stampa 3D

Da martedì, 9 aprile 2019 (mostra permanente)

LUN, MAR chiuso
MER ore 10.00 -13.30
GIO, VEN, SAB ore 10:00 - 13.30 e 15.30 -18.30
DOM ore 10.30 - 13.30
Ingresso intero 8 euro, ridotto 5 euro, gratis fino ai 18 anni
 

Indietro