Festival Markus Öhrn al Santarcangelo Festival

Terra bruciata - Markus Öhrn Foto: Markus Öhrn

7 - 16 luglio 2017

Sant’Arcangelo dei Teatri

Via Andrea Costa 28
Santarcangelo di Romagna RN

Terra bruciata. Molotov Cocktail Opera

Nell’ambito di Santarcangelo Festival, 7 - 16 luglio 2017, il Goethe-Institut Mailand patrocinia la performance Terra bruciata - Molotov Cocktail Opera di Markus Öhrn, artista berlinese di origine svedese.
 
7 luglio 2017, ore 23.00
Markus Öhrn | Terra bruciata. Molotov Cocktail Opera
Niskanpää, Svezia / Berlino, Germania
Ideazione: Markus Öhrn e Damiano Bagli
Regia: Markus Öhrn
Musica: Arno Waschk | Fonica: Lennart Scheuren | Effetti di fuoco: Damiano Bagli | Libretto: Uladzimir Niakliaeu | Coro: Magnificat Santarcangelo
Coproduzione: Maifestpiele, Wiesbaden | Una produzione di Markus Öhrn, originalmente prodotta per e in collaborazione con Internationale Maifestspiele Wiesbaden | Video, fotografia: Jacob Öhrman
 
Markus Öhrn, già noto al pubblico e ai cittadini per le sue travolgenti performance con il gruppo Azdora, torna a Santarcangelo per mettere in scena la prima Molotov Cocktail Opera del mondo. Ispirato dal termine militare Scorched Earth, Öhrn, insieme al compositore e direttore Arno Waschk, realizzerà la cerimonia di apertura del Festival allo Sferisterio: un’opera spettacolare e poetica per coro e due lanciatori di “cocktail molotov”, un rituale infuocato della nuova edizione del Festival. Il suono delle esplosioni è amplificato e mixato con il canto del coro formato da abitanti del posto, che interpreta il libretto del poeta bielorusso Uladzimir Niakliaeu.
 
Santarcangelo Festival torna con un programma italiano e internazionale che spazia dalla performance alla coreografia, dall’arte visiva alla musica, dal dibattito al dj-set. La 47esima edizione è un’esperienza immersiva: concentra il proprio sguardo sul corpo come strumento politico, crea habitat d’artista aperti ad ogni ora per dar vita a una comunità temporanea di performer, attivisti, operatori e pubblici variegati, da sempre la linfa vitale del Festival.

Indietro