Residenza e Progetto d’arte Il cambiamento oltre il visibile

Il cambiamento oltre il visibile © Laura Farmwald / Maria Teresa Annarumma

Lunedì 02/11/2020 -
Lunedì 31/05/2021

Casa di Vetro

Via delle Zite 40
80139 Napoli

Residenza e Progetto d’arte

L'esperienza della solitudine e dell'isolamento derivanti dalla pandemia ha reso evidente che una società non può esistere soltanto in base a una crescita economica illimitata. La solidarietà umana, la condivisione e lo scambio di esperienze sono essenziali per la vita sociale. Negli ultimi decenni questi aspetti sono stati trascurati a favore di una prospettiva individualista e consumistica.
Anche una città come Napoli è soggetta a questa dinamica. Tuttavia, qui, ad esempio nei quartieri del centro antico, si è conservata una socialità fondata su una fittissima rete di relazioni interpersonali.
Grazie all'esperienza di questo tessuto sociale unico, è possibile una visione alternativa della città, aldilà di qualsiasi stereotipo?
Nel contesto di una residenza, l'artista Anna Witt si immerge nella vera rete di relazioni di Forcella, il cuore pulsante del centro storico napoletano. La residenza* - nata da un'idea e curata da Maria Teresa Annarumma – parte dal mito del Grand Tour, che riguardava la scoperta e l'esperienza del Sud sulle tracce dell'antichità, per trasferirsi nella città moderna di Napoli. L'artista si confronterà con diverse realtà del capoluogo partenopeo, lontane dalle “icone” della Napoli storica, per andare oltre gli stereotipi. Gli incontri con la gente di Forcella apriranno una nuova prospettiva sulla società contemporanea e metteranno in luce una delle sue grandi risorse: le relazioni come motore di rinnovamento personale e collettivo. L'obiettivo dell’iniziativa, realizzata in collaborazione con l’Associazione Amici di Carlo Fulvio Velardi ONLUS con le attività svolte presso La Casa di Vetro e l’Associazione Progetto Museo per il Complesso monumentale di Santa Maria delle Anime del Purgatorio ad Arco, è quello di creare un progetto artistico ispirato agli abitanti del quartiere ed in collaborazione con loro, in particolare, con le persone che vivono ed animano la Casa di Vetro.
Inoltre, Il progetto inaugura un ciclo di eventi volti a sostenere la visione e il ruolo femminile nell’arte contemporanea.

Dal 1° all'8 febbraio è prevista la prima residenza di Anna Witt.

La seconda residenza è programmata per aprile. A maggio 2021 si terrà la presentazione della video performance con il patrocinio del Forum Austriaco di Cultura Roma


Presentazione del progetto



Anna Witt è nata a Wasserburg (Germania) nel 1981. Ha studiato all'Accademia di Belle Arti di Monaco di Baviera e, dal 2005 al 2008, all'Accademia di Belle Arti di Vienna dove è stata allieva di Monica Bonvicini in arte performativa e scultura. Oltre a numerose mostre personali in Europa, Anna Witt ha partecipato a esposizioni collettive internazionali, p.e. in occasione della 6a Biennale di Berlino 2010 o presso il Museo d'Arte di Seoul (SeMA) 2019. Nel 2018 ha ricevuto il Premio Otto Mauer dell'Arcidiocesi di Vienna. Dal 2014 a oggi è stata artist-in-residence su invito di numerosi enti internazionali.

Maria Teresa Annarumma, dopo aver svolto per 15 anni la professione di avvocato, a partire dal 2007 si dedica alla collaborazione con gallerie napoletane. Nel 2008 inizia la sua collaborazione con Craigie Horsfield per la realizzazione del Napoli Conversation Project. È stata Curatorial Fellow dell’Independent Study Program del Whitney Museum di New York e Guest Researcher presso il MacBa di Barcellona. Continua a collaborare con artisti, curatori e teorici fra Italia, Spagna e gli Stati Uniti, ha scritto per cataloghi e riviste specialistiche e partecipa al “Sixteen Beaver Group” di New York. Durante quest’anno ha iniziato la sua partecipazione a “L’Assemblea del Mondo che Verrà” in Italia ed un suo blog greengloves.org.

 

Indietro