Accesso rapido:
Vai direttamente al contenuto (alt 1)Vai direttamente al secondo livello di navigazione (alt 3)Vai direttamente al primo livello di navigazione (alt 2)
KunstRaum Goethe – Logo© Goethe-Institut Rom

KunstRaum Goethe

KunstRaum Goethe – Nuovo spazio interdisciplinare del Goethe-Institut Rom © Goethe-Institut Rom / Stefano Montesi KunstRaum Goethe è lo spazio interdisciplinare del Goethe-Institut di Roma. Qui, attraverso mostre e installazioni, ma anche performance, dibattiti e laboratori, ci si interroga sui temi più sentiti della nostra attualità con lo scopo di stimolare la ricerca e il confronto tra artisti, ricercatori, studenti e cittadini. Situato nel Foyer dell’Auditorium del Goethe-Institut (via Savoia 13/15, Roma), è dedicato all’arte contemporanea in tutte le sue espressioni, dalle arti visive e digitali fino all’architettura e l’urbanistica e vuol essere un punto di incontro indipendente, aperto a nuove forme espressive, idee e contaminazioni.


In primo piano

Achim Wollscheid – Sound Box © Achim Wollscheid – Radioartemobile

Nell’ambito di KunstRaum Goethe
Achim Wollscheid

Installazione e incontro nell’ambito della mostra Mappe sonore con l’artista Achim Wollscheid, uno dei maggiori sound artist della scena tedesca, che focalizza il suo lavoro nel rapporto tra suono, luce e spazio architettonico, attraverso progetti pubblici e interattivi. Mercoledì 27 febbraio 2019 dalle ore 18 presso il KunstRaum Goethe presentazione installazione e incontro con traduzione simultanea con Achim Wollscheid e il curatore Valentino Catricalà. Alle ore 20 alla Casa del Poeta Valentino Zeichen sound box experience alla presenza dell’artista. Ingresso libero.

Mappe sonore – Mostra al Goethe-Institut Rom | Christina Kubisch: <i>Analyzing Silence</i> © Foto (particolare): Lanzetta

Micol Assaël, Christina Kubisch, Aura Satz
Mappe sonore

Tre protagoniste della Sound Art contemporanea, l’italiana Micol Assaël, la tedesca Christina Kubisch e la britannica Aura Satz tentano di dare concretezza visiva alle onde sonore per creare visioni e nuovi immaginari e approfondire i sempre più labili confini tra reale e virtuale. La mostra, inaugurata il 29 settembre, potrà essere visitata fino all’8 marzo 2019. Orari: lun 14–19 | mar mer gio ven 9–19 | sab 9–13; chiusura il 1° novembre e dal 24 dicembre 2018 al 6 gennaio 2019. Goethe-Institut, KunstRaum Goethe, Via Savoia 13/15, Roma. Ingresso libero.
 

Electrical Walks Roma © Alessandro Lanzetta

Passeggiate elettromagnetiche
Electrical Walks

Nell’ambito della mostra Mappe sonore, l’artista tedesca Christina Kubisch porta a Roma per la prima volta i suoi Electrical Walks, performance  con apposite cuffie che captano segnali elettromagnetici tramutandoli in suoni. Lo spettatore potrà indossarle e camminare nel quartiere, seguendo una mappa creata dall’artista, facendosi guidare dal “concerto sonoro” che, in base alle frequenze dei campi, riscrive continuamente l’ambiente. Goethe-Institut Rom, fino al 16 novembre 2018. Le cuffie sono disponibili gratuitamente dal lunedì al venerdì, ore 10:00–13:00 su prenotazione, ore 14:30–19:00 senza prenotazione.


Interviste e approfondimenti

MAAM – Museo dell’altro e dell’altrove, Roma © Goethe-Institut Italien / Foto: Sarah Wollberg

Arte contemporanea
KunstRaum incontra…

Per KunstRaum incontra… il Goethe-Institut si confronta con artiste/artisti e curatrici/curatori d’arte contemporanea che in vari modi si muovono tra la Germania e l’Italia.


Iniziative precedenti

Dell’abitare incerto: Ulf Aminde – Andreas Lutz – Vittorio Messina  

La mostra
Dell’abitare incerto

KunstRaum Goethe, il nuovo spazio interdisciplinare del Goethe-Institut dedicato all’arte contemporanea in tutte le sue espressioni, vuol essere un punto di incontro indipendente, aperto a nuove forme espressive, idee e contaminazioni. L’evento inaugurale è Dell’abitare incerto, un’esposizione che affronta il tema dell’abitare indagando il concetto da una prospettiva ampia e proponendo un confronto tra tre noti artisti: Ulf Aminde e Andreas Lutz dalla Germania e Vittorio Messina dall’Italia.