Accesso rapido:
Vai direttamente al contenuto (alt 1)Vai direttamente al secondo livello di navigazione (alt 3)Vai direttamente al primo livello di navigazione (alt 2)

Quei dannati sette capretti (Die verflixten sieben Geißlein)
Sebastian Meschenmoser

Ana Ayroza legge Sebastian Meschenmoser
da sin a ds: Ana Ayroza, Foto: © privata; Copertina del libro, Foto: © Orecchio acerbo editore

Questo #Lesetipp è di Ana Ayroza
Incaricata della Cooperazione Linguistica e Didattica del Goethe-Institut Rom

Orecchio acerbo Editore 2019

Un'adorabile parodia della classica fiaba, nella quale ora il lupo prende il posto di mamma capra, diventa “casalingo” e deve mettere ordine nel caos domestico. Altrimenti come farebbe a trovare i capretti nei loro nascondigli? Bambini e adulti si divertiranno un mondo a vedere questa ironica inversione di ruoli.

“L’abito non fa il ‘lupo’. Scarpe rosse con i tacchi, tubino viola, rossetto in tinta, borsetta e cappellino con corna posticce. La sua ferocia è mascherata a dovere, e la sua cena di capretto è a un passo. Dietro l’uscio della graziosa casetta nel bosco però si cela una sorpresa agghiacciante: tutto è sottosopra e niente è pulito. In quel caos è impossibile scovare i capretti. E così il lupo pensa che una bella rassettata sia doverosa per agevolare la battuta di caccia, ma non sarà così facile… L’esilarante storia di un lupo “domestico” attraverso la travolgente comicità di Sebastian Meschenmoser” (dalla quarta di copertina del libro, © Orecchio acerbo Editore)

<<< Torna a Quarta di copertina

Top