Accesso rapido:

Vai direttamente al contenuto (alt 1)Vai direttamente al secondo livello di navigazione (alt 3)Vai direttamente al primo livello di navigazione (alt 2)

Il mio dolce gemello (Mein sanfter Zwilling)
Nino Haratischwili

Martina Grasso legge Nino Haratschiwili
da sin a ds: Martina Grasso, Foto: © Goethe-Institut Italien/Carmen Hof; Copertina del libro, Foto: © Mondadori editore

Questo #Lesetipp è di Martina Grasso
Sede centrale per le certificazioni in Italia al Goethe-Institut Rom

Mondadori Editore 2013, traduzione di M. Galli

“Stella si è costruita un'esistenza di affetti sereni e sicurezze quotidiane: un bambino amatissimo, un marito attento, un buon lavoro, una bella casa. Un giorno Ivo suona alla sua porta spalancandola d'un colpo sul passato. Ivo e Stella hanno condiviso un'infanzia faticosa, impigliati nelle trame sentimentali dei loro genitori, lanciati verso una tragedia che legherà per sempre l'uno all'altra i figli. Bambini, sono cresciuti nella simbiosi dolce e disperata di due fratelli adottivi affidati all'amore eccentrico di una vecchia zia che li ha lasciati correre pomeriggi interi a piedi nudi nel forte vento del Mare del Nord, sulle sue spiagge luminose. Più grandi, sono diventati quegli amanti che non riescono a stare lontani e finiscono per distruggersi per troppa vicinanza. Poi si sono separati con uno strappo violento. Ma ora Ivo è tornato e Stella capisce che tutto il mondo che ha così caparbiamente costruito e tutte le sue difese stanno per crollare. Non resta loro che un'ultima possibilità, un lungo viaggio in Georgia, per liberarsi dal trauma sepolto che li lega e per liberare, forse, il loro amore.” (tratto dalla quarta di copertina del libro, © Mondadori editore)

<<< Torna a Quarta di copertina

Top