Accesso rapido:
Vai direttamente al contenuto (alt 1)Vai direttamente al secondo livello di navigazione (alt 3)Vai direttamente al primo livello di navigazione (alt 2)

Herta Müller | Der Fuchs war damals schon der Jäger
La volpe era già il cacciatore

Traduzione italiana di Margherita Carbonaro
Feltrinelli Editore 2020

Appuntamento: 03.06.2020
Introduzione: Paolo Restuccia

Quel che luccica, vede.

 
La volpe era già il cacciatore La volpe era già il cacciatore | © Feltrinelli Editore 2020 Sono gli ultimi tempi prima della caduta del regime di Ceausčescu in Romania. Adina fa la maestra, e ha in casa una pelle di volpe. Un giorno si accorge che in sua assenza è scomparsa la coda della volpe. È l’inizio: subito dopo scompare anche una zampa, poi un’altra. Adina è stata presa di mira dai servizi segreti. Pubblicato per la prima volta in Germania nel 1992 e finora mai tradotto in Italia, questo romanzo si sviluppa attraverso la successione di quadri ed episodi – evocati con straordinaria potenza da una scrittura secca, ipnotica – che raccontano la storia di Adina, dell’amica Clara e del suo amante Pavel, informatore della Securitate, e del musicista Paul. Fino al crollo della dittatura. La minaccia, tuttavia, non cessa: chi è la volpe e chi il cacciatore?

Pubblicato per la prima volta in Germania nel 1992 e per la prima volta tradotto ora in italiano da Margherita Carbonaro.
“Quando il collage è completo, il lettore comprende che ognuna delle storie, ogni volo stilistico e fatto brutale, sono stati necessari per raffigurare una società a pezzi.”  (The New York Times)

Herta Müller

Herta Müller, Foto: © Stephanie von Becker © Foto (dettaglio): Stephanie von Becker Herta Müller è nata nel 1953 nel villaggio di lingua tedesca di Nitzkydorf, nel Banato rumeno, regione al confine fra Serbia, Romania e Ungheria.

Nel 2009 ha vinto il premio Nobel per la letteratura.
Feltrinelli sta pubblicando tutti i suoi lavori.

<<< Torna a Passo la parola

Top