Accesso rapido:

Vai direttamente al contenuto (alt 1)Vai direttamente al secondo livello di navigazione (alt 3)Vai direttamente al primo livello di navigazione (alt 2)

Spiccatamente... socievoli
Un continuo scampanellare

E-bike lungo gli argini
Lo scampanellio arriva delle e-bike, le nuove bici che fanno tendenza. | Foto (dettaglio): Fotostand / Gelhot; © picture alliance

Mentre in vacanza al Mare del Nord Maximilian Buddenbohm si gode la tranquillità del posto, sul sentiero rettilineo che sembra scorrere all’infinito lungo gli argini la quiete è continuamente interrotta da uno scampanellio.

Di Maximilian Buddenbohm

Siamo in un agriturismo sul Mare del Nord. Ci siamo già stati diverse volte, da anni ormai, visto che ai nostri figli piace e a noi anche. Inutile cercare alternative, qui andiamo sul sicuro, io ho la mia tranquillità, i bambini giocano con altri bambini e il loro programma è già perfetto così. Quanto a me, mi rilasso con poco: mi basta un posto per stendermi o sedermi con un libro e un bloc notes, non chiedo nient’altro e sto bene per giorni o settimane, non sento il bisogno di nessun cambiamento di programma. Per me la vacanza è questa.

Accorgersi di ogni minimo cambiamento

Per mia moglie è lo stesso, anche se lei ogni tanto ha voglia di fare qualche escursione, e anche se ormai abbiamo visto già tutto, a volte la seguo pensando che magari faremo qualche nuova esperienza. In realtà, poi, la novità non arriva, ma va bene così, siamo in vacanza e l’importante è stare insieme. Dopo un anno di assenza, notiamo dei cambiamenti: qualche chiosco ha chiuso, mentre ne hanno aperti altri, sono aumentati i prezzi dei biglietti d’ingresso, spuntati nuovi cartelli, è cambiato l’aspetto di alcuni giardini, sono state demolite delle case e ne sono state costruite altre, una rotonda ha sostituito un incrocio e davanti a un municipio è apparsa una bella fioriera. E noi ci facciamo caso, esclamando ogni volta: “Ma guarda, questo prima non c’era!”, perché in vacanza ci concentriamo di più su tutto ciò che ci circonda, mentre a casa, ormai, non ci riusciamo più da tanto tempo.  
 
Quest’anno, però, l’elemento che ha catturato maggiormente la nostra attenzione è stato un continuo scampanellio che proviene apparentemente dal nulla ma accompagna le nostre passeggiate sul sentiero rettilineo che pare scorrere verso l’infinito lungo l’argine, vietato alle automobili e percorribile solo a piedi o in bici, quindi meravigliosamente tranquillo e uniforme, l’ideale per chi ama l’atmosfera del Mare del Nord e cerca la tranquillità di una passeggiata, finalmente senza pensare a niente.

In coppia su due ruote

E invece si sentono degli squilli dietro di noi: girandomi, noto qualcuno che su due ruote, ancora in lontananza, già suona il campanello per avvisare che sta arrivando, per poi raggiungerci in un attimo e sfrecciarci accanto a tutta velocità, lanciandoci un’occhiataccia quasi indispettita che equivale a “Scansatevi!”. È gente che gira in e-bike, e dopo essere stati superati allo stesso modo da diverse persone, mi rendo conto che dev’essere la moda dell’anno: si vede che ora si usa la bicicletta elettrica, perché iniziamo a contare le bici elettriche e a paragonarne il numero con quelle normali, ma quasi subito lasciamo perdere, capendo che quelle normali sono pressoché scomparse, mentre abbondano le e-bike. Il cliché delle coppiette di turisti tedeschi in vacanza con le giacche a vento abbinate si conferma e si arricchisce: adesso circolano anche su e-bike dello stesso tipo e dello stesso colore. Lo so perché l’ho visto io stesso, è un cliché e corrisponde perfettamente alla realtà.
 
La maggior parte di queste bici elettriche sembra nuova, come appena comprata. È una caratteristica che ci salta subito agli occhi mentre pensiamo con stupore che l’anno scorso non era così, dev’essere stata un’evoluzione veramente rapida. Ma com’è possibile? Mica si saranno messi tutti d’accordo? Le e-bike sono diventate talmente convenienti che te le tirano appresso? Mhmm, no, sul giornale leggevo semmai il contrario. È davvero singolare come una tendenza possa imporsi tanto velocemente, e sarà anche inspiegabile, ma è un fatto: ora la gente gira sulle bici elettriche, e probabilmente farà anche più chilometri, visto che dopotutto è meno faticoso.

Comprate o a noleggio?

Continuo ad osservare e a farmi delle domande, perché anche in vacanza, volenti o nolenti, non si può smettere di pensare, e mi chiedo se tutta questa gente si sia davvero comprata nuove e-bike, o magari le abbia prese a noleggio, forse sarà diventato normale, in vacanza. Oppure saranno gli alberghi a fornirle, con la stessa naturalezza con la quale allestiscono il buffet per la prima colazione? Chi può dirlo, è da tanto che non vado in un hotel. E poi, sarà una cosa tipica di queste parti o sarà pieno di bici elettriche un po’ ovunque? D’altronde sto osservando una zona limitata, perciò devo fare attenzione nelle mie congetture.
 
Chissà se queste e-bike stanno in qualche modo sostituendo le auto, mi sembra lecito chiedermelo, anche se mi pare impossibile: la rivoluzione del traffico non era stata concepita diversamente? Questi mezzi non sono solo un’altra forma di consumismo? Un nuovo giocattolo? Mhmm, no, forse sono troppo negativo, non va mica bene pensare subito male. Forse sono turisti che approfittano delle vacanze per provare un’e-bike, per poi vendersi la macchina una volta tornati a casa e da quel momento in poi girare solo in bici, a tutto vantaggio dell’ambiente. Mhmm, troppo positivo, mi sa, non va bene nemmeno eccedere nell’entusiasmo.
 
La verità è che non ho idea di come stiano le cose. Me ne sto qui lungo gli argini senza un’e-bike, a bocca aperta e con la sensazione di provenire dal passato... e di colpo un campanello mi ricorda che devo scansarmi, ed eccone già un altro...
 
È decisamente la nuova moda, e io resto a guardare.
 

“SPICCATAMENTE…”

Per la nostra rubrica “Spiccatamente…” scrivono, alternandosi settimanalmente, Maximilian Buddenbohm, Qin Liwen, Dominic Otiang’a e Gerasimos Bekas. Per “Spiccatamente… socievoli” Maximilian Buddenbohm racconta di quel grande complesso che è la società e delle sue più piccole componenti, ossia la famiglia, le amicizie, le relazioni.

Top