Historia magistra vitae
Tamara Erbe

Historia magistra vitae – Un film di Tamara Erbe © Tamara Erbe

Historia magistra vitae

Sinossi

Historia magistra vitae è il frammento di un ricordo della fuga, quella di Dara Mayer, croata di origini tedesche, che nel 1991 è scappata in Germania durante la guerra in Croazia. Historia magistra vitae – la storia è maestra di vita – è la massima da cui il film prende spunto per mostrare il percorso di una fuga e del successivo rientro in patria a partire da un ricordo personale.

La memoria collettiva è più veloce nel dimenticare di quella personale. Alla fine, tuttavia, non restano che frammenti da rimettere insieme per poter aprire a nuove interpretazioni.
 
  • Historia magistra vitae – Un film di Tamara Erbe © Tamara Erbe
    Historia magistra vitae – Un film di Tamara Erbe
  • Historia magistra vitae – Un film di Tamara Erbe © Tamara Erbe
    Historia magistra vitae – Un film di Tamara Erbe
  • Historia magistra vitae – Un film di Tamara Erbe © Tamara Erbe
    Historia magistra vitae – Un film di Tamara Erbe

Dati Tecnici

Regia, fotografia, montaggio: Tamara Erbe | Consulenza tecnica, fotografia di scena, making of: Giovanni Zeitz | Sonoro & Produzione: Utku-Ibrahim Erdogan | Sound design: Frank Behnke | Assistente al montaggio: Elena Herzog | Titoli di testa: Bruno Eritt | Tecnico del suono: Jan Pasemann | Direttrice di edizione: Myriam Eichler | Produzione: Goethe-Institut e Dffb | Protagonista: Dara Mayer

Durata: 5’30’’ | Periodo riprese: 4–6 gennaio 2017 | Location: Vukovar, Croazia | Camera: Bolex H16
 

note di regia

Da bambina ho seguito dalla Svizzera la crisi dei migranti nella regione balcanica. La gente aveva paura che i migranti potessero togliere il lavoro ai nostri genitori e che l’Europa non fosse in grado di tenere la situazione sotto controllo. Ma niente di tutto ciò è stato confermato dai fatti e sono contenta di avere tanti amici che vengono dalla Serbia, dalla Croazia e dal Kosovo.

A vent’anni di distanza, quella guerra è quasi completamente uscita dalla memoria collettiva. Nel frattempo, però, c’è una nuova ondata migratoria e nuove paure e un populismo nazionalistico avanzano di pari passo.

Historia magistra vitae è il tentativo di mostrare il percorso circolare di una fuga e del successivo rientro in patria a partire da un ricordo personale.