Premiazione 2016
Premio italo-tedesco per la traduzione letteraria

IX edizione

Il 26 maggio 2016 il Ministero Federale degli Affari Esteri, l’Incaricato del Governo della Repubblica Federale di Germania per la Cultura e i Mass Media e il Ministero Italiano per i Beni e le Attività Culturali, in collaborazione con il Goethe-Institut e il Centro per il libro e la lettura, hanno conferito il Premio italo-tedesco per la traduzione letteraria, giunto alla sua nona edizione.

Il riconoscimento ha cadenza annuale ed è destinato a traduttori che, grazie al proprio lavoro, hanno contribuito alla diffusione della narrativa tedesca contemporanea in Italia e viceversa.

© Goethe-Institut © Goethe-Institut La giuria, composta da Hermann Dorowin (presidente), Andrea Casalegno (giornalista), Camilla Miglio (germanista), Ugo Perone (filosofo), Cesare De Marchi (scrittore), Marina Pugliano (Traduttrice) e Maike Albath (presidente della giuria tedesca), dopo l’esame delle opere pervenute e successive discussioni, nella seduta finale del 20 febbraio 2016 ha deciso di assegnare il Premio per la miglior traduzione a Ada Vigliani per “Forse Esther” (Vielleicht Esther) di Katja Petrowskaja (Editore Adelphi) e il Premio esordienti ad Ylenia Carola e Angela Scròfina per “Ancora tempesta” (Immer noch Sturm) di Peter Handke (editore Quodlibet).

I premi saranno conferiti dal Sottosegretario del Ministero dei Beni e della Attività Culturali e del Turismo Antimo Cesaro e dall’Incaricata d’Affari dell’Ambasciata della Repubblica di Germania Susanne Schütz. La cerimonia vede inoltre la partecipazione del Presidente del Centro per il Libro e la Lettura Romano Montroni, della Direttrice Generale Biblioteche e Istituti Culturali e MiBACT Rossana Rummo e della Direttrice Generale dei Goethe-Institut in Italia Gabriele Kreuter-Lenz.

La laudatio è affidata a Hermann Dorowin, una relazione sarà tenuta da Nicola Lagioia, scrittore e giornalista (Premio Strega 2015) e i brani tratti dalle opere tradotte dai vincitori saranno letti dall’attrice Cloris Brosca.
 
Accompagnamento musicale della serata: Angelika Niescier, sassofono.

Premio italo-tedesco per la traduzione – Invito (PDF, 584 KB)
 

Le vincitrici:
© Ada Vigliani © Ada Vigliani Ada Vigliani ha studiato filosofia e letteratura tedesca nelle università di Torino e di Salisburgo.
A partire dal 1982 ha tradotto per varie case editrici (Mondadori, Einaudi, Adelphi, Zandonai, Marsilio, Sellerio) opere di autori tedeschi classici e contemporanei (letteratura e filosofia), tra i quali J.W. Goethe, Arthur Schopenhauer, Robert Musil, Alfred Polgar, Elias Canetti, Hermann Broch, Ernst Jünger, Robert Walser, Fred Wander, Jan Assmann, Hermann Hesse, Stefan Zweig, Jenny Erpenbeck, Katja Petrowskaja, Peter Weber e l’opera completa di W.G. Sebald.
Per alcuni anni ha insegnato lingua, letteratura tedesca e filosofia al Conservatorio di Musica “Giuseppe Verdi” di Torino. Ha collaborato con Tuttolibri – La Stampa (recensioni di opere di letteratura tedesca tradotte in Italia) e con Adelphi come lettore editoriale.
Tiene corsi sull’analisi del testo e sulla traduzione dal tedesco nell’ambito del Master di traduzione editoriale della Scuola Tutteuropa-Torino, nonché workshop e seminari presso vari istituti. Sui suoi autori (in particolare su Musil e Sebald) ha tenuto conferenze e scritto articoli e saggi.
© Angela Scrofina © Angela Scrofina Angela Scròfina è nata a Roma nel 1985. Ha conseguito con lode la laurea specialistica in Lingue moderne, letterature e scienze della traduzione presso l'Università la Sapienza di Roma. A pochi mesi dalla laurea si è trasferita a Vienna e ha collaborato con la IG ÜbersetzerInnen con una borsa di studio semestrale del programma Leonardo. In quel periodo ha partecipato a workshop di traduzione e ha svolto traduzioni dal tedesco per il sito di promozione letteraria readme.cc. In seguito ha lavorato presso l'Accademia tedesca di Villa Massimo, si è specializzata nell'insegnamento e attualmente è docente di lingua tedesca alle scuole superiori di primo grado. È co-traduttrice della versione italiana di Immer noch Sturm di Peter Handke, lavoro nato nell'ambito del progetto La terra sonora. Il teatro di Peter Handke.

Ylenia Carola © Ylenia Carola Ylenia Carola è nata a Gaeta nel marzo 1986. Ha studiato Germanistica e Sinologia presso l’Istituto universitario “L’Orientale” di Napoli, conseguendo la laurea in Letterature e Culture comparate; è attualmente dottoranda presso l’Università di Roma “Tor Vergata”, dove si occupa della ricezione letteraria e musicale della poesia di Giuseppe Ungaretti all’interno del campo culturale tedesco. I suoi ambiti di ricerca gravitano attorno alle delicate questioni dell’Heimat e della Fremdheit, della memoria storica, della (in-)traducibilità del testo poetico e delle sue forme di rielaborazione intersemiotica.

In collaborazione con:
Übersetzerpreis 2016 - Partner