Accesso rapido:
Vai direttamente al contenuto (alt 1)Vai direttamente al secondo livello di navigazione (alt 3)Vai direttamente al primo livello di navigazione (alt 2)

Berlinale Blogger 2019
Il rischio dello scambio di persona

"The Kindness of Strangers"
"The Kindness of Strangers" | © Per Arnesen

Alla Berlinale il blogger Gerasimos Bekas ha un problema: non è autorizzato a fare rivelazioni sulle prime mondiali e viene scambiato per un’altra persona.

Di Gerasimos Bekas

I primi film li ho già visti, ma non sono ancora autorizzato a rivelare nulla: per le prime mondiali esiste una sorta di embargo, le recensioni possono essere pubblicate solo mezz’ora dopo l’inizio della prima proiezione aperta al pubblico. E quindi, che faccio nel frattempo? Ho deciso: un’indagine su un argomento che alla Berlinale è sempre sulla bocca di tutti.

Business o wellness?

Le famose feste della Berlinale. Come ci si sente? Come nella villa di Pablo Escobar o di Berlusconi? O si è circondati da gente con i biglietti da visita in mano, alla ricerca di una parte in un film o di qualche affare?
 
Alla Berlinale le persone si dividono in due categorie: quelle che vogliono assolutamente andare alle feste ma non hanno un invito, e quelle che invece sono invitate ma non ci vanno. Per questo, la mia indagine si complica più del previsto, ma se non altro imparo a riconoscere i giovani registi tedeschi alle feste: portano tutti berretto da baseball, fazzoletto attorno al collo e occhiali esageratamente grandi, e ripetono di continuo e ad alta voce “Amazing!”.

Un francese un po’ incerto

Mentre la mia informatrice tedesca, che lavora da anni come hostess alla Berlinale e preferisce restare in incognito, sta per svelarmi i segreti più oscuri sul festival, il nostro colloquio viene improvvisamente interrotto da una francese, più alta e più in forma di me, che arriva da dietro, mi afferra una spalla, mi gira verso di lei e sgranando gli occhi mi chiede se io sia Tahar Rahim. Cerco di controbattere chiedendo se lei sia Juliette Binoche, ma forse il mio francese è troppo incerto, oppure lei è troppo delusa di non aver incontrato davvero la star di The Kindness of Strangers. La capisco, anche a me avrebbe fatto più piacere trovarmi di fronte la Binoche... Ma c’è tempo, la Berlinale è cominciata da poco! Mi consolo con un caffè.

Top