Al lavoro col tedesco

Mit Deutsch in den Beruf © Goethe-Institut

Al lavoro col tedesco

I giovani che studiano il tedesco a scuola o frequentano un corso al Goethe-Institut sanno che questa può essere la carta vincente per il loro futuro professionale in Europa: uno dei requisiti fondamentali per favorire il passaggio dai banchi di scuola al mondo del lavoro, infatti, è la conoscenza di una seconda lingua straniera dopo l'inglese, e il tedesco si conferma una delle più richieste dal mercato.
Per questo in Italia il Goethe-Institut e i suoi partner presentano Al lavoro col tedesco, un progetto pensato per le esigenze delle scuole e delle imprese e che si svolge anche in Francia, Grecia, Portogallo e Spagna. 


Uno degli obiettivi principali è favorire la nascita di un network di scuole e aziende che, grazie a visite aziendali, imprese simulate, stage professionali e altri formati di collaborazione, permetta a questi due mondi di comunicare e cooperare meglio.
 

Piazza Affari Tedesco

Il progetto affianca elementi di orientamento professionale ad un concorso di idee che stimola la creatività e l'ingegno dei ragazzi. In ciò la lingua tedesca funge da strumento chiave. L'obiettivo è la creazione di partenariati tra scuole ed imprese per fare conoscere ai giovani il mondo del lavoro e le figure professionali che ne fanno parte.

Formazione professionale

I sistemi duali di formazione professionale rappresentano una possibile strategia nella lotta contro la disoccupazione giovanile in Europa.

In primo piano

Memorandum d’intesa tra Italia e Germania

A sinistra: Min. Stefania Giannini; a destra: Min. Johanna Wanka A sinistra: Stefania Giannini, Ministro dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca; a destra: Johanna Wanka, Ministro Federale dell'Istruzione e della Ricerca
A Villa Vigoni, centro italo-tedesco per l'eccellenza europea che si trova sul Lago di Como, il 3 maggio 2016 Italia e Germania hanno firmato un nuovo memorandum d’intesa triennale sul tema dell’alternanza scuola-lavoro. Come già tre anni fa a Napoli, a siglare l’accordo bilaterale sono stati i rispettivi Ministri dell’Istruzione Johanna Wanka e Stefania Giannini e i Ministeri del Lavoro. Quest’anno, tra gli enti coinvolti direttamente, era presente anche il Goethe-Institut.