Kaddisch per un amico

Kaddisch per un amico © c SiMa 2011

Fiction, Germania 2010-2011 - 94 min.
Regia: Leo Khasin
Interpreti: Ryszard Ronczewski (Alexander), Neil Belakhdar (Ali), Neil Malik Abdullah (Walid), Sanam Afrashteh, Kida Khodr Ramadan, Younes Hussein Ramadan
Destinatari: studenti scuola media / scuola superiore

Cresciuto in un campo profughi palestinese, il quattordicenne Ali Messalam ha imparato fin da piccolo a odiare “gli ebrei“. Già da quattro anni vive a Berlin-Kreuzberg dopo essere fuggito dal Libano insieme alla sua famiglia. Malgrado sia ancora a rischio l’accettazione ufficiale nel paese, la famiglia ottiene il consenso di lasciare la casa di accoglienza e di occupare un proprio appartamento sulla Mehringplatz. Qui, Ali cerca di fare amicizia con i giovani arabi del Kiez. Ma gli viene chiesto innanzitutto di dimostrare ciò di cui è capace. Viene sottoposto ad una prova di coraggio che prevede la sua intrusione nell’appartamento del vicino Alexander, un ebreo russo. Gli adolescenti violenti seguono Ali e distruggono l’appartamento dell’anziano. Alexander, che torna a casa prima del previsto, riconosce solo Ali e lo denuncia alla polizia. A questo punto Ali rischia un processo penale e conseguentemente la famiglia corre il pericolo di essere espulsa dalla Germania. La madre è molto preoccupata e riesce malgrado tutto a mettere una buona parola a favore del figlio nei confronti di Alexander: e quest‘ultimo finisce per essere disposto a ritirare la denuncia a condizione che Ali lo aiuti a ristrutturare il suo appartamento. Il ragazzo accetta malvolentieri e da quel momento è costretto a passare il suo tempo libero “presso il nemico“. Inizialmente i due migranti (che appartengono a due generazioni e a due cerchie culturali diverse) si trattano con ostilità. Da un certo momento in poi, invece, riescono a rompere il ghiaccio e i due cominciano a rispettarsi a vicenda: e alla fine nutriranno addirittura simpatia l’uno per l‘altro. Quando alla fine della ristrutturazione del suo appartamento Alexander vuole mantenere la sua promessa e ritirare la denuncia, il procedimento si rivela ben più difficile del previsto: e la diffidente amicizia fra i due viene messa a dura prova.
Nel suo primo lungometraggio, lo sceneggiatore e regista Leo Khasin narra il conflitto fra arabi ed ebrei, che in questo caso si svolge entro i due piani di un palazzo berlinese con appartamenti in affitto e che si trasforma in una storia commovente su un’amicizia impari. Il Kaddish, che è una delle preghiere più importanti dell’ebraismo, è una commemorazione delle anime passate e viene recitata dal parente più prossimo del defunto. Alla fine del film, Ali, un ragazzo arabo, recita il Kaddish per il suo defunto amico ebreo Alexander.
(secondo Ralph Eue; catalogo della cineteca del Goethe-Institut Rom).
 


Trailer