Laboratori di lettura, ascolto, gioco Immagina di essere in guerra

Immagina di essere in guerra © Vibeka Jensen

Dal al 26 gennaio al 27 maggio 2018

Genova, varie sedi

Paura. Fuga. Esilio. Sopravvivenza. Perdita dell’identità. E il desiderio di tornare indietro, a casa. Ma dov’è “casa”? Il libro Immagina di essere in guerra (Feltrinelli, 2014 - finalista Premio Andersen 2015) di Janne Teller, autrice danese proveniente da una famiglia di rifugiati austro-tedeschi, partendo da una domanda “Se oggi in Italia ci fosse la guerra... tu dove andresti?” ci spinge a chiederci come sarebbe la nostra vita se fossimo profughi, a immedesimarci nella vita di un altro. Una non consueta prospettiva per avvicinarsi al tema della migrazione, da alcuni anni uno dei fili conduttori dell’attività del Goethe-Institut Genua.
 
Da questo spunto, grazie alla collaborazione tra il Goethe-Institut Genua, la rivista Andersen e FELTRINELLI editore, nasce l’idea di rivolgere ai ragazzi di alcune scuole secondarie di primo e secondo grado un momento di incontro che possa fare della lettura del libro un’esperienza concreta di condivisione e emersione delle emozioni per meglio riflettere su un tema così urgente e attuale. Il laboratorio, curato e condotto da Daniela Carucci, consente di mettersi in una condizione non consueta di ascolto, attraverso spostamenti semplici nello spazio, qualche oggetto “portato” dalla storia, un modo di usare la voce che ci fa scoprire qualcosa di più del racconto: una proposta di gioco teatrale inteso come possibilità di entrare dentro al mondo di qualcun altro, andando al di là delle proprie abitudini rassicuranti, sperimentando un diverso modo di portare le parole e di accoglierle.
 
Un primo ciclo di 10 laboratori è stato realizzato in altrettante scuole nel corso del 2017 e, visto il positivo riscontro di interesse, viene riproposta anche quest’anno una nuova serie di interventi in alcuni istituti scolastici del territorio urbano e della Città metropolitana di Genova, parte integrante del programma di iniziative di promozione della lettura del Premio Andersen 2018.
 

Calendario dei laboratori nelle scuole:
 
26 gennaio - Scuola secondaria di primo grado - I.C Barabino, Sampierdarena, Genova
31 gennaio - Scuola secondaria di primo grado Bertani, Genova
9 febbraio - Scuola secondaria di primo grado – I.C. Cogorno, Ne (GE)
19 febbraio - Scuola secondaria di primo grado “Vito Scafidi”, Busalla (GE)
23 febbraio - Scuola secondaria di primo grado “Parini/Merello”, Marassi, Genova
2 marzo - Scuola secondaria di primo grado, Ronco Scrivia (GE)
14 marzo - Istituto alberghiero “Marco Polo”, Genova
23 maggio – Circolo Vega-Municipio Centro Est, Genova

Il 24 maggio il progetto “Immagina di essere in guerra” sarà presentato in occasione della Premiazione del 37° PREMIO ANDERSEN, che si terrà dalle ore 15.00 alle ore 18.00 nella Sala del Munizioniere di Palazzo Ducale.

 
Daniela Carucci, dopo la laurea in Storia del teatro lavora come attrice e drammaturga. Ha fondato la compagnia per pupazzi e attori Le Mani con cui produce diversi spettacoli tra cui Naftalina, che in Argentina vince il premio per l'originalità dell'opera al Festival Ibero-americano di Mar de la Plata. Ha collaborato con il Teatro del Piccione (Piccolo Nemo, La portinaia Apollonia, Per filo e per sogno e Bestie), il Teatro della Tosse (Al lupo, al lupo. La vera storia dei tre porcellini), Aldes e UBI danza (Il colore rosa). Oggi tiene laboratori ed esplora le possibilità del teatro ragazzi come mezzo di riflessione sul mondo e di crescita individuale, che non rinuncia all’originario piacere del gioco.
 
ANDERSEN è il mensile italiano sulla letteratura e l’editoria italiana per ragazzi e la cultura dell’infanzia. Il suo premio annuale - il Premio Andersen - è il più ambito riconoscimento assegnato in Italia agli autori, ai libri, agli editori per ragazzi. La premiazione si svolge a fine maggio a Genova (Palazzo Ducale) al centro di un programma di incontri con autori nelle scuole, nelle biblioteche, nelle librerie, nei musei e in altri spazi della città.
 

Indietro