Musica/arte
Festival ArteScienza

Artescienza 2020
Foto: © Artescienza 2020

*EVENTO RIMANDATO*
Accelerazione || Decelerazione – 28ª edizione

Goethe-Institut Rom

A causa del maltempo, gli appuntamenti del Festival ArteScienza in programma nel Giardino del Goethe-Institut Rom dal 22 al 25 settembre vengono rimandati alla settimana del 28 settembre.
Il programma aggiornato è riportato qui.

Programma aggiornato al Goethe-Institut Rom Concerti, performance, installazioni con Olofoni, proiezioni, convegni, incontri con gli artisti e masterclass, alla ricerca di quanto più innovativo ci sia fra arte, musica, scienza, in un continuo gioco di trasformazione dello spazio urbano e dei luoghi d’arte che stimoli l’immaginazione del pubblico. Ad organizzarlo il Centro Ricerche Musicali – CRM che nel 2020 raggiunge l’importante traguardo dei trent’anni di attività.

Il Festival ArteScienza ha scelto il motto dell'accelerazione e della decelerazione per i prossimi tre anni per la presentazione di opere d'arte e musica contemporanea interdisciplinare internazionale. La direzione artistica si è così imbattuta in un fenomeno particolarmente attuale, che è stato evidenziato in tutta la sua contraddittorietà dagli effetti della pandemia di Covid 19. Il fenomeno dell'“accelerazione sociale” e dell'alienazione descritto da Hartmut Rosa e il sano desiderio di decelerazione hanno ricevuto un suono completamente nuovo nel marzo 2020 attraverso il comandamento del “distanziamento sociale” e del lockdown. Perché con Covid-19 viviamo un'impietosa decelerazione sociale, ma non è scelta liberamente – ecco perché Rosa lo paragona a un enorme ingorgo stradale in cui rallentiamo involontariamente la velocità e tuttavia non riusciamo a rilassarci. Per una vita riuscita e la soluzione del nostro problema di accelerazione Rosa non si basa sulla decelerazione, ma sulla – risonanza. Il mio sospetto, tra parentesi, è che in musica ci siano altre proficue analogie per la teoria sociale.
 
A Weimar, non lontano da Jena, dove Hartmut Rosa fa ricerca e insegna all'Università Friedrich Schiller, 200 anni fa un altro tedesco ha pensato profondamente all'accelerazione e alla decelerazione – l'autore nel cui nome opera oggi il nostro istituto culturale: Johann Wolfgang Goethe. Nel 1825 scrive all'amico Carl Friedrich Zelter: “Ma tutto, mio caro, è ormai ultra, tutto trascende inesorabilmente, nel pensiero come nell'azione. Nessuno si conosce più, nessuno capisce l'elemento in cui fluttua e lavora, nessuno capisce il materiale su cui lavora”. Scrive che i giovani sono “strappati nel vortice del tempo; ricchezza e velocità sono ciò che il mondo ammira e tutti si sforzano di ottenere”. E molto è già stato scritto sul fatto che Goethe costringe anche l'eroe della sua opera principale, Faust, sotto il giogo di questa diabolica fretta. È un giogo molto moderno, che Goethe, in un'altra lettera, chiama “velocifero”, l'intreccio tra velocità e Lucifero. Lui stesso, però, ha trovato un modo per sfuggire alle “ultra” pressioni della società – attraverso il suo Viaggio in Italia, che lo ha portato qui a Roma. Il Goethe-Institut di Roma è lieto di diventare nel 2020 la sala di risonanza del festival ArteScienza!
 

Dettagli

Goethe-Institut Rom

Via Savoia, 15
00198 Roma

Prezzo: Concerti, performance € 10, ridotto >65 e studenti <26 anni € 7
Per i possessori della Goethe-Karte € 5

Concerti/installazione – video musicali d’autore al Goethe-Institut € 5

Tutte le altre iniziative sono ad ingresso gratuito e contingentato fino ad esaurimento posti

+39 06 45563595
info@crm-music.it

È consigliata la prenotazione dei biglietti. Consultare il sito www.artescienza.info per il regolamento di accesso